Ciao a tutti,

come ormai chi ci segue sa bene ci divertiamo molto a trovare qualche piccolo lavoretto, gioco o filastrocca per tutti i libri.

Oggi ė la volta di un classico amatissimo, tra le fiabe più conosciute nel mondo e tramandate da generazioni, quindi per questo motivo non mi soffermo affatto sulla storia ma inizio subito con il lavoretto

Materiali necessari

1 sasso

Stampa del disegno e filastrocca che troverete qui pinocchio lavoro

pennarelli

matita e gomma

 

Come vedete la filastrocca fa cosi

 

Questo sassetto porta un berretto che ha fatto Geppetto tempo fa.

Il caro PInocchio di marachelle, ne ha fatte di belle,

ne parlan tutti nella città!

Con Barbarossa, il gatto e la volpe ha perso denaro in quantità ,

per non parlare dell’asinello che è diventato per non ascoltar papà,

Nella balena, lo ha poi ritrovato e gli ha promesso che buono diventerà

Con il grillo si ė confidato, mai piu bugie racconterà.

La fatina lo ha quindi aiutato, da burattino ė diventato bambino vero, proprio come sei tu

 

Vuoi aiutare la magia della fatina?

Lavoretto molto semplice, dopo aver letto la fiaba e la filastrocca per prima cosa dobbiamo disegnare il viso di Pinocchio su di un sasso ( al mare bellissima idea fare un piccolo teatrino pe ripercorrere la storia con i sassi che fanno da personaggi principali, presto vi farò vedere una versione con un altta storia) una volta fatto il viso parliamo delle principali bugie che ha raccontato e ogni volta allunghiamo un pochino il naso

Un altro modo ė di dare il sasso ad ogni bambino che allunghera’ il naso scrivendo nel retro il numero di bugie che ricorda, alla fine si ripercorromo tutte le bugie e va sistemato il naso (facoltativo)

Dopo avere fatto il lavoretto con il sasso Pinocchio in maniera molto semplice (come vedete essere il nostro in foto che però ha una bella particolarità, quella di essere leggermente in rilievo al centro dove noterete ho fatto il viso di PInocchio ) date lo stampabile al bambino  per aiutare la Fata Turchina a far diventare Pinocchio un bambino vero, per farlo dovrà creare una scia di magia incollando pezzetti di cartoncini avanzati e brillantini (tutto intorno alla polvere magica che ho gia’ messo  in scheda e a fianco dovrà disegnare e colorare pinocchio bambino Come vi dicevo molto semplice ma permette di comprendere la storia (parte delle bugie) e fare comunque un lavoro creativo.allo stesso tempo simpatico, bella idea anche di imparare la poesia per ricordare un piccolo riassunto della storia

CIAO A TUTTI, in ritardissimo vi lascio come promesso (dalla mia pagina facebook) la versione italiana del calendario mensile

Penso non abbia biosgno di ulteriori presentazioni, visto le numerose richieste ho inziato di nuovo a fare questi piccoli calendari dove potete annotare un sacco di cose, sia per voi che per i bambini, un esempio e’ annotare il tempo per poi creare un istogramma, qualche  appuntio ma perfetto anche per segnare i compiti della materia che voi insegnate ai piu’ piccoli per abituarli al diario.

si scarica qui per la versione a4 settembre da colorare 2018

Ciao a tutti,

parliamo  di PIcasso, a dire la verità volevo postare questo lavoro molto prima ma volevo sistemare un attimo i vari punti per creare appunto il laboratorio.

Questa ė stata la mia personale idea, quindi ovviamente se volete fare le cose in modo diverso lo potete fare. Io ho preferito andare per gradi, prima presentare il pittore (a questo proposito presto un breve riassunto per lapbook) poi far disegnare piu’ volte un soggetto con gl iocchi dei pittore stesso e per finire la visione di alcune opere per poi sceglierne una da colorare

Quindi iniziamo, per prima cosa come detto sopra dobbiamo fare una piccola presentazione a Picasso (che trovate qui PARLIAMO DI PICASSO, CON 2 QUADRI DA COLORARE

Come secondo passo possiamo far vedere questo foglio (ma meglio dare una copia ad ogni bambino) per imparare come passiamo replicare il suo stile e a questo punto  fare creare la prima loro personale versione in bianco e nero, scegliendo il tipo di viso, occhi e naso e renderli il più possibile somiglianti alla scheda

fonte

 

Un altro sistema per far capire meglio come dividere un foglio per creare il viso lo potete trovare qui, magari questo potete farlo vedere voi alla lavagna, continuando con la spiegazione

fonte

 

Come terzo passo invece creiamo di nuovo un piccolo quadro ma questa volta invece di scegliere come fare le varie parti del viso sarà il dado a scegliere per noi! Infatti per questo gioco che può essere fatto in solitario come invece avere un numero di partecipanti indefinito dovremo tenere a portata di mano un dado e la scheda che potete vedere qui sotto, a questo punto ogni bimbo lancia il dado ed in base al numero uscito crea la propria versione

fonte

A questo punto dovremmo essere a buon punto quanto a conoscenza dei soggettti di Picasso. Ora possiamo fare vedere diverse opere cosi’ da discutere sui colori e soprattutto sul fatto se riescano a vedere ancora una volta come i soggetti risultino differenti dalla realtà!

Per ultimo passaggio (facoltativo per chi non ama le schede prestampate ma utile per ricordare meglio questo fantastico pittore) provare a replicare il quadro colorandone uno suo in bianco e nero, ancora una volta ne trovate un paio qui con la spiegazione che dicevo all’inizio PARLIAMO DI PICASSO, CON 2 QUADRI DA COLORARE

Un altra simpatica cosa che ho fatto è quella di partire da un viso disegnato che puo’ essere fatto dai bambini oppure direttamente prendere questo qui sotto e poi con l’altra scheda tagliare ed incollare le parti (naso, orecchie ecc) infine colorare il tutto con i pastelli a cera.

fonte

fonte

Spero vi sia piaciuto, ovviamente per parlare di Picasso non basta parlare di visi però è una cosa che fa divertire e permette di riconoscere sempre il pittore ai bambini e quindi merita sicuramente tutto il lavoro. Per terminare il tutto possiamo far creare un bigliettino per chi loro voglioni sempre in stile Picasso, solo provando a fare da soli con tutto quello che ricordano del laboratorio.

esempio di creazione ::) qui sotto con il cartoncino e’ stato realizzato un fiocchetto per i capelli

Per finire un foglio di appunti dove segnare i giochi-lavori eseguiti e dove scrivere qualcosa su questo fantastico pittore, bella l’idea di metterlo davanti ai lavori eseguiti cosi’ da far capire a chi si riferiscono

si scarica qui PICASSO PRESENTO

 

 

 

Ciao a tutti, oggi vi voglio far vedere un gioco davvero simpatico!!! Niente di strano ma che si fa davvero con niente, infatti vi serviranno solo penne o matite e carta!!

Per prima cosa ho tagliato dei fogli di carta bianca in più quadrati e poi..diamo inizio al gioco!

Primo gioco: come da classico uno disegna un oggetto e l’altro deve indovinare, solo che bisogna disegnarlo a occhi chiusi!!!

Ne vengono fuori davvero di simpatiche 😁😁😁

Per i punti ovviamente prende punto quello che è riuscito nell intento di far indovinare il suo disegno, l’altro zero, dopo circa 10 oggetti disegnati si decreta il vincitore

Secondo gioco: davvero divertente : prendete i disegni che avete fatto prima, questa volta 1 giocatore da un foglio con un disegno a caso al suo sfidante (che terra’ gli occhi chiusi, perche’ non lo dovrà vedere) e gli dice che cosa disegnare, il foglio puo’essere diritto come invece girato (a scelta)  al termine del disegno lo sfidante fa la stessa cosa con il suo avversario, poi si girano i fogli e si devono scrivere (se i bimbi non lo sanno fare basta che le dicano) delle frasi inventate sulla situazione creata nel disegno, come vedete nell’esempio

il primo disegno era 1 fiore,

nel secondo una monetina,

la frase inventata è stata: Il fiore Massimo prende dei soldi per andare al mercato a comprare le carote per pranzo

o altre più semplici, ne vengono fuori di davvero simpatiche, vince la frase piu’ originale o piu’ azzeccata.

 

SI PUO’ GIOCARE ANCHE A SQUADRE

SE NON VI PIACE L’IDEA DELLA SFIDA È SIMPATICO DA FARE ANCHE SEMPLICEMENTE DICENDO UN OGGETTTO E DISEGNANDOLO IN CONTEMPORANEA (SE I BIMBI SONO PICCOLI ANCHE UNO ALLA VOLTA) e poi ammirare i disegni creati 😂😂😂

Ciao a tutti,  chi segue la pagina su facebook avrà notato l’immagine che avevo postato di una pagina di quaderno,

è piaciuta talmente tanto che diverse persone  mi hanno chiesto i codici, così ho creato questo foglio con i codici che si scarica sotto.

Non lo ho fatto grandissimo anche perchè ovviamente i bambini poi non han più voglia di finirlo e quindi sarebbe un lavoro noioso e non creativo e divertente. Per le espressioni del viso quelle che vedete sopra le ho già inserite, per le altre dove ho lasciato lo spazion bianco potete lasciare cosi’ o far disegnare altre espressioni 🙂

si scarica qui con la griglia vuota e i codici (per scaricare cliccare il link sotto e una volta che si apre l’altra pagina cliccare una seconda volta sul link sotto la tabella, in  questo modo salverete il pdf direttamente nel pc. cell o tablet che sia

griglia occhietti e codici

 

 

 

 

 

Ciao a tutti, ancora una scheda in pixel art,. questa volta l’emoji è sopresa, quindi dopo il piccolo indovindello dove andrà scritta l’emozione ci sarà una piccola discussione su quest’emozione e sull’ultima volta che la si è provata e perchè

vi lascio come sempre da scaricare sotto, una volta cliccato il link si aprirà un’altra pagina e cliccando ancora il link in blu si scaricherà automaticamente la scheda vuota da compilare

emozione sorpresa

 

 

Ciao a tutti, sistemando vecchie foto ho trovato diversi lavoretti che non ho ancora postato ma che sono molto divertenti da replicare! Oggi vedremo come fare un vulcano che erutta veramente! In questo caso anche se ho trovato le foto del lavoro non si vede poi bene il finale visto avevo messo poco colorante in quel caso ma ho provato a farvi comunque vedere e ve lo spiego bene in modo che lo possiate fare nel migliore dei modi, perchè vi assicuro che ai bambini piace tantissimo e lo vorranno fare più volte!

materiali necessari

-sabbia avanzata da vecchio gioco (ho scritto così perchè io ho utilizzato proprio la sabbia fai da te che trovate qui sotto

LA SABBIA CINETICA FAI DA TE

quando era stata utilizzata diverse volte per non buttarla ho fatto l’esperimento appunto.

-colorante alimentare rosso (facoltativo ma rende  molto più reale l’esperimento)

-aceto

-bicarbonato

-2 bicchieri di plastica

Come si fa:

Con la sabbia creiamo il nostro vulcano, al centro facciamo un buco per inserire il bicchiere con all’interno il bicarbonato fino a metà almeno.Nell’altro bicchiere mescoliamo aceto e colorante alimentare rosso, questo vi consiglio di riempirlo un pò di più perchè sicuramente vorranno replicare. A questo punto versiamo l’aceto con il colorante all’interno del bicchiere con il bicarbonato….CON LA REAZIONE AVVERA’ UNA VERA E PROPRIA ERUZIONE 🙂 Come dicevo davvero molto simpatico e istruttivo, se volete potete anche aggiungere qualche dinosauro sotto e fare un pò di storia oltre che scienze, il gioco èassicurato 😉 A presto

CIAO A TUTTI, altro veloce lavoretto davvero molto simpatico, costruiremo un totem, come tutti sanno un totem rapprensenta un gruppo di persone, puo’ essere la famiglia, un clan, ma come nel nostro caso gli amici. bello da fare anche con i compagni di classe, in questo caso pero’ visto saranno molti piu’ bambini le fondamenta dovranno essere piu’ larghe e quindi magari fatte da file di  2 o 3 mattoncini

materiali necessari:

-cubetti di legno (questi me li sono fatti preparare diverso tempo fa, principalmente li usavo come dadi per gli innumerevoli giochi che mi piace creare, poi ne ho usati anche in modi diversi, visto li trovo molto versatili e questo è un modo

-colori a tempera

-occhietti mobili o adesivi (se non ne avete potete crearli con semplice carta bianca e pennarello nero)

come si fa:

Per prima cosa dovremo dipingere i cubi di diversi colori, visto siamo in estate consiglio colori brillanti e comunque chiari.Lasciate asciugare.

Ora create il vostro totem come la fantasia vi suggerisce, noi abbiamo preso un pò spunto da quelli  che venivano creati nella parte nord occidentale del Nord America e quindi che facessero riferimento a animali (principalmente rane, orsi, uccelli, persci) PER QUESTO ABBIAMO MESSO TOTEM DEGLI ANIMALI

Quindi disegnate ad esempio il becco di un uccello, la parte sotto le ali e via dicendo, cosi’ da creare anche un lavoro cooperativo da fare con gli amici appunto., ora posizionate gli occhietti e una volta che sono pronti mettere nel retro la vostra firma e (FACOLTATIVO) una breve frase sull’amicizia su un quadratino di carta che andra’ incollato sul fondo del vostro totem

Come vedete la bella cosa è che puo’ essere utilizzato come un puzzle per i bambini piu’ piccoli che possono in questo modo creare i loro buffi animali

CIAO A TUTTI, PARLIAMO ANCORA DI DRAGON BALL, come qualcuno saprà lo hanno messo in prima tv su Boing la sera alle 22, i fan sono emozionati e  tanti piccoli fans sono in arrivo, quindi vi faccio vedere un gioco perfetto sia da fare in casa, sia all’aperto che a noi piace molto.

Per la costruzione del radar avete bisogno di

-cartoncino verde

-tappo di un qualsiasi contenitore di plastica (perfetto quello della ricotta ma anche dello yogurt ad esempio)  per la grandezza  potete  farlo più grande o più piccolo a seconda delle vostre preferenze

-cartoncino giallo (ritagli)

-7 sfere del drago (per la costruzione trovate il post qui sotto)

LE SFERE DEL DRAGO, DRAGONBALL GIOCO DA TAVOLO FAI DA TE, DA STAMPARE

-colla , forbici e bucatrice (non indispesabile)

-righello e penna nera

COME SI FA

tagliate un cerchio dal cartoncino verde prendendo la misura con il tappo della ricotta (o di quel che avrete scelto). Tagliatelo DENTRO i bordi in modo da renderlo un po’ più piccolo. Provate ad inserirlo nel coperchio, se entra bene è perfetto, se invece non ci sta tagliate ancora un pochino. Con il righello create delle linee (le possono fare anche i bambini visto non serve siano precise)

Ora con la bucatrice ricavate dal cartoncino giallo 7 piccoli cerchietti, se non la avete fateli a mano, come ho fatto io devono essere appunto piccoli.

COME SI GIOCA:

Un adulto deve nascondere le sfere (va benissimo in casa ma anche in giardino)

A questo punto io ho pensato a diversi modi per giocare:

il numero 1Un adulto prima di nascondere le sfere incolla i cerchietti nel radar per dare un aiuto nel ritrovamento, per capire meglio vedete l’esempio sotto

esempio il bambino inzia la sua ricerca appena fuori del giardino

La sfera n. 3 l’adulto la mette all’inizio del giardino sotto un albero che sta alla  destra del bambino, nel radar incollera’ il cerchietto (che indica la sfera come in Dragon Ball) all’inizio del giardino a destra.numerandola (facoltativo)

numero 2,: Si procede al contrario, il bimbo dovrà cercare le sfere e  dopo averne trovata una dovrà incollare un piccolo cerchietto giallo (nel radar sono le sfere appunto come dicevo sopra) al posto giusto.

un altro esempio ne nascondo una sotto le rose al centro del giardino una volta trovata il bambino dovrè incollare il cerchietto al centro del radar (per la casa funziona allo stesso modo, prendete un punto di inizio che puo’ essere l’ingresso e da li le sfere andranno incollate in modo giusto.

numero 3 SFIDA A COPPIE O COOPERATIVA va benissimo per feste varie a tema ma anche per divertimento) Anche in questo caso possiamo procedere con uno dei 2 modi detti sopra ma possiamo fare una sfida a coppie o squadre ( in questo caso abbiamo però biosgno di 2 set di sfere (benissimo quindi se avete fatto anche l’altro gioco da tavolo che richiedeva come avrete visto appunto 2 set da 7 sfere) e di un altro radar. Altrimenti se ne avete solo uno potete procedere in modalità cooperativa.

Vi è piaciuto? Molto divertente, provare per credere!!!!!!

La cosa bella è che puo’ essere usato anche come semplice radar visto il cartoncino verde tagliato poco piu piccolo come vedete nel video qui sotto tiene le sfere all’ainterno (prima di essere incolate logicamente) e si possono anche muovere per creare nuove sfide, ad esempio scuotiamo le sfere e le nascondiamo nel posto dove si sono fermate ecc 🙂

 

 

CIAO A TUTTI! Oggi vi voglio fare vedere un altro laboratorio proposto a scuola, in questo modo posso dirvi anche per la costruzione da che età i bambini si possono muovere con più autonomia.

Iniziamo con il farvi vedere la costruzione, per la stampa e la spiegazione del gioco la trovate sotto.

MATERIALI NECESSARI:

-carta bianca da stampante a 4

-coperchio rotondo di riciclo (io ho usato quello della ricotta)

-colori a cera o ad olio arancioni

-pennarelli, cere, acquerelli (quello che preferite) di colore giallo

-stampabile stelline che trovate sotto con le regole. e il Drago Shenron

-DADO (io ne ho comprati diversi set come questi, piccola spesa massima resa, DADI SET DA 100 i miei erano simili ma in legno e li ho pagati di piu’. questi saranno tra i miei prossimi acquisti visto spesso mi diletto a creare giochi da tavolo

-facoltativi ma consigliati dei personaggi di Dragon Ball, se ne volete da colorare ne trovate 4 qui  PERSONAGGI DI DRAGON BALL DA COLORARE

COME SI FA:

Con il coperchio di plastica fate dei cerchi (la misura perfetta e’ quella della ricotta, ce ne stanno 3 in un foglio, se non lo avete va benissimo il compasso) Una volta che avrete fatto 7 sfere colorate con le cere di colore arancione (il colore ad olio rimane più veloce e più vivace e i più piccoli, di 1 e 2 lo hanno preferito) se farete come me verranno usati 2 fogli, il 3 avrà una sola sfera, se fate il gioco per più bambini per utlizzare meno fogli fate usare l’ultimo foglio a più bambini.

A questo punto colorate le stelline di giallo, anche qui vanno benissimo colori a cera o pastello, pennarello un po’ come vogliono, consiglio di colorare prima di tagliare cosi’ da andare tranquillamente fuori dai bordi con il colore (anche per le sfere) per velocizzare la colorazione. Tra le stelline vedrete che sono in 3 misure, la piu’ grande va usata per la sfera numero uno, quelle poco piu’ piccole per la 2-3 e 4 (non ricordo con precisione ma lo vedrete da soli) e le più piccole per la 5 6 e 7 . Anche qui bambini di 4 e 5 in tranquilla autonomia hanno fatto tutto, di terza anche finito da soli per i bimbi di 1 e seconda ci vuole una mano per tagliare le stelle visto sono tantine

Una volta tagliate sia le sfere che le stelline con la colla incolliamo le stelle come detto sopra

su di una sfera 1 sola stella (la più grande)

sulla seconda 2 stelle, la terza 3 stelle, fino ad arrivare alla numero 7 che avrà le 7 stelle (quelle della misura più piccola)

A questo punto potete fare come me (plastificare) altrimenti incollare su cartone di recupero

Dall’altro foglio che avete stampato prendete il drago Shenron e plastificate o incollate anche questo su cartone, aggiungendo per rendere ben visibili occhi e piegature.

Vi serviranno anche (facoltativi ma simpatici) dei personaggi di Dragon Ball da colorare sopra trovate il link per averne 4 ma ne mettero’ degli altri per un altro gioco o li potete trovare gia’ colorati con facilita’

A questo punto il gioco vero e proprio.

Le sfere vanno posizionate in cerchio, ogni bambino o partecipante deve avere il proprio set, nel caso non dispongano di un altro set potete provvisoriamente fare dei cerchi numerati dall’1 al 7. Le sfere vanno dosposte appunto in cerchio, dalla numero 1 (con sopra il numero 1 dell’avversario) alla numero 7 (ogni sfera deve avere lo stesso numero dell’avversario sopra)

A questo punto il Drago andrà posizionato sulla sfera numero 1 Inizia il giocatore più piccolo che dovrà tirare il dado e vedere la mossa da fare.

Lo scopo del gioco è recuperare per primo tutte le sfere del drago, proprio come gli amatissimi personaggi della serie.

Il Drago deve avanzare o tornare indietro delle caselle indicate nel foglio che trovate nella stampa con le stelline e il drago Shenron appunto.

facciamo un esempio

TIRANDO IL DADO ESCE IL NUMERO 1, Shenron avanza di 1 casella ma voi dovrete prenderne una a scelta dal vostro avversario (di destra se giocate in diverse persone) urlando KAIOKEN

dado NUMERO 2, Shenron avanza di 2 caselle, prendi la sfera sotto di lui se non la hai già, altrimenti passa la mano al tuo avversario

dado NUMERO 3, tu e l’avversario , (se giocate in piu’ persone sempre quello alla vostra destra) girate attorno al tavolo, uno partendo da destra e uno da sinistra (in modo di incrociarvi ma non appunto partendo dallo stesso verso) chi per primo riesce a sedersi e toccare il Drago puo’ prendere la sfera sotto di lui.

dado NUMERO 4, Shenron torna indietro di una sfera, se non la hai la puoi prendere, altrimenti passa la mano al tuo avversario

dado NUMERO 5 Qui entra in gioco il personaggio, vi dicevo che è facoltativo perchè nel caso non li avete potete usare lo stesso Shenron, se non avete plastificato i personaggi o non li avete messi su cartone di recupero saranno leggeri e quindi potreste sbagliare tirando (in quel caso mettete una molletta per renderlo più robusto) infatti c’e’ scritto come vedete + 1 a scelta perchè dovrete lanciare il personaggio cercando di toccare la sfera che vi interessa (ovviamente quelle che ancora non avete)

dado NUMERO 6 Nel retro del personaggio (se lo avete) o di un foglio segnate una x, alla seconda volta che farete il n. 6 potete  prendere una sfera a vostra scelta

il gioco completo si scarica qui

gioco LE SFERE DEL DRAGO DRAGON BALL

troverete come detto le stelline in 3 diverse misure, 1 tabella con i numeri del dado e gli effetti (più le spiegazioni che vedete qui sopra) e il drago Shenron. (vedi sotto immagini)