CIAO A TUTTI! Oggi vi voglio far vedere un modo davvero creativo che permette ugualmente di utilizzare il coding, infatti tramite dei codici (messi in un nuovo modo)

potremo realizzare quello che vedete in foto 🙂

MATERIALI NECESSARI:

PERLINE DI VARI COLORI DA STIRARE  (IO HO UTILIZZATO VERDE E ROSA)

potete utilizzare anche perline normali, io ho provato con quelle piccolissime ma può essere sicuramente pericoloso per i bimbi troppo piccoli e in questo modo cambiano anche i codici perchè al posto di 6 per fila ce ne stavano 9

SPILLE DA BALIA:

10 DELLA STESSA MISURA OPPURE 1 GRANDE E 9 PIU’ PICCOLE

procedimento:

preparate le perline che vi serviranno e seguite lo schema che potete scaricare qui sotto. Come è facile da intuire nella spilla più grande (o della stessa misura delle altre come ho fatto io) andranno poi infilate le altre che formano la figura. I codici vanno letti in modo verticale (ma lo vedete visto sono numerati e distanti) e la particolarità è che vanno letti dal basso verso l’alto perchè una volta completata la prima spilla si dovrà girare sotto sopra per poterla infilare nell’altra.

Piu’ facile a dirsi che a spiegarlo

i codici sono fatti in questo modo 🙂 Ovviamente scaricando il pdf la qualità sarà buona e non come questa in foto. Nella foto a fianco con i classici quadratini ho evitato di inserire altri colore ma sapete che ovviamente lo sfondo è verde nel caso lo vogliate replicare su foglio 🙂

Buon lavoro

si scarica qui, come sempre si aprirà la tabella, cliccate il link appena sotto cuore perline

 

 

 

 

Ciao a tutti, oggi voglio condividere con voi un lavoro un pochino impegnativo ma davvero di grande effetto! Per questo devo prima di tutto ringraziare la maestra Erica Meschini che mi ha dato i codici, come vedrete poi nel pdf o nella foto esempio qui sotto sono scritti a mano da lei e per questo li ho mantenuti proprio così!

La cosa bella della pixel art in genere è che anche se utilizziamo i quadratini l’immagine viene comunque molto “pulita! e precisa, soprattutto in questo specifico caso dove i quadretti da riempire sono molti.

esempio di codici, in questo caso seguendo la legenda andremo a riempire le 40 file con i colori come indicato

 

Come già vedete sopra utilizzeremo come misura 65  qaudratini —– x 40 ì

i codici si scaricano qui, come sempre sotto la tabella che si aprirà troverete il link per salvare su telefono, tablet o pc

notte stellata

Chi ci segue avrà sicuramente visto diversi lavori a tema qui nel sito, tra cui ad esempio questi

LABORATORIO VAN GOGH

LAVORETTO-PROMEMORIA VINCENT VAN GOGH con girasole da colorare-tagliare-incollare (anche per lapbook)

 

LABORATORIO AMICIZIA, NUOVA STORIA, 3 SCHEDE PIXEL ART, ISTOGRAMMA, PUZZLE, 15 PAGINE

LABORATORIO CODING PIXEL ART, I 3 PORCELLINI, 12 SCHEDE TOTALI, 7 NUOVE FIGURE IN PIXEL ART

 

CODING LABORATORIO, PERCORSI, PIXEL ART, CORNICETTE, glii Orsetti

 

Ciao a tutti, oggi vi faccio vedere un laboratorio che parla dell’artista James Rizzi, per avere qualche informazione vi lascio all’articolo che trovate qui

JAMES RIZZI, PITTURARE PALAZZI NEL SUO STILE

Ho pensato a questo laboratorio perchè puo’ essere inserito anche come parentesi parlando di pop art, linfatti più che farvi vedere tante cose vi lascerò a delle immagini e dei particolari sulla loro arte, ai bambini piace molto perchè è semplice, colorata e perchè no possono fare palazzi strani come dei piccoli mostriciattoli (vedi foto))

Il primo passo è quello di fare il solito gioco a dadi che io uso molto spesso, per creare il primo palazzo e far capire meglio il suo stile. Per farlo potete utilizzare quest’immagine sotto

fonte

Il secondo passo invece è  quello di creare un vero e proprio disegno coloratissimo con paesaggio e nello sfondo palazzi nello stesso stile

 

 

Avrei voluto aggiungere altri progetti e particolari che vengono utilizzati di frequente su questo pittore, ma credo che ve ne parlerò ancora e poi come detto sopra non volevo fosse un laboratorio con troppi lavori, altrimenti sarebbe diventato difficile sia come concentrazione che come lavoro manuale.

Vi lascio quindi all’ultimo punto. Io ho utilizzato delle scatole del latte finite ma voi potete utilizzare quello che volete e creare la vostra scultura o addirittura cittadina a scuola (la bella cosa è che tagliando la parte superiore possono diventare dei piccoli contenitori dove appoggiare vari oggetti)

Prendendo spunto da queste sotto io ho creato dei palazzi davvero simparici diverso tempo fa, l’dea in più è quella del far creare la propria scuola della fantasia

fonte

fonte

Colorare una sua opera, happy moon

 

Ultima parte del laboratorio è quella di descivere cosa sia piaciuto riguardo questo pittore e segnare i progetti pensati per lui (così nel caso li facciate a più riprese saranno sempre segnati) e mettere un voto in ordine di preferenza dato dai bambini, singolarmente o in gruppo

SI SCARICA QUI, come sempre si aprirà la pagina, si scarica sotto la tabella per salvare su pc. telefono o tablet SCHEDA LAVORO

per altri laboratori potete vedere

LABORATORIO VAN GOGH

PICASSO IL LABORATORIO

IL LABORATORIO IN PIXEL ART

 

 


Ciao a tutti, presto vi farò vedere anche il laboratorio in stile Mondrian con delle cose che ho fatto nel tempo ma

per ora vi lascio questo cuore da fare in Pixel art che ci ricorda questo grande artista, come vedete ci sono degli

spazi dove aggiungere la parola giusta, ad esempio dove c’e’ scritto “sono colori” andrà inserito PRIMARI

e dove scritto il nero questo è un  po’ da considerare la vostra spiegazione, nel senso che per gli artisti sono due colori, ACROMATICIi,

cioe’ privi di colore, il bianco può essere considerato primario, perche’ non si ottiene mescolando altri colori, e il nero anche secondario, perche’ si ottiene

mescolando altri colori. Da altri non sono nemmeno considerati colori, scientificamente parlando, infatti il bianco viene visto come somma di colori e il nero

assenza di colore.

PER SPIEGAZIONI E SCHEDE DI VERIFICA SU TUTTI I COLORI E MESCOLANZE LE TROVATE QUI

ORSETTO INSEGNA COLORI Itten e i Primari, secondari, terziari e complementari

PER IL CERCHIO DEI COLORI DA COLORARE QUI

IL CERCHIO DEI COLORI DI ITTEN da colorare (colori caldi e freddi) copertina quaderno

PER FILASTROCCHE TEMA COLORI E MESCOLANDA (PRIMARI E SECONDARI) QUI

LE FILASTROCCHE PER I COLORI

PER I COLORI SEMPLICI IN INGLESE QUI

LA VERIFICA COLORI IN INGLESE

PER IL CUORE IN PIXEL ART INVECE DOVRETE CLICCARE QUI SOTTO, VI RICORDO COME SEMPRE CHE SI APRIRA’ UNA TABELLA E DOVRETE

CLICCARE NUOVAMENTE IL LINK APPENA SOTTO PER SALVARE DIRETTAMENTE IL FILE PDF

CUORE MONDRIAN PIXEL DA FAREE

CIAO A TUTTI! Altro laboratorio, dopo quello di successo su Picasso (i bambini lo riconoscono subito non è vero?) fatto qui PICASSO IL LABORATORIO oggi ve ne faccio vedere un’altro sul grande Van Gogh.

Come la scorsa volta per iniziare una piccola presentazione del pittore con lavoretto (anche per lapbook) la trovate qui

LAVORETTO-PROMEMORIA VINCENT VAN GOGH con girasole da colorare-tagliare-incollare (anche per lapbook)

e vi consiglio di farlo perchè è davvero simpatico!

Subito dopo dobbiamo mostrare immagini di opere vere di questo grande pittore

 

A questo punto possiamo far vedere questo disegno che insegna a creare un paesaggio con campo di grano come quelli che tanto amava fare Van Gogh  e provare a farlo replicare, visto come vedete è abbastanza semplice fonte

Un altro lavoro da fare a tema girasole (come nel primo lavoretto) è questo, libera fantasia e creatività, per questo progetto ho pensato di far usare a piacere tempere, pennarelli, matite colorate e anche materiali vari dal cartoncino colorato a piccoli pon-pon, brillantini, gomma eva ecc ecc, verranno dei lavori davvero “brillanti” fonte

Un altro lavoro molto creativo ed interessante è creare lo scenario, permette di copiare la famosa opera La sedia di Vincent, che trovate qui sotto  ma puo’ essere utilizzato anche per creare biglietti 3d semplicemente ritagliando e piegando la parte sotto così da fare stare in piedi i soggetti, oppure allo stesso modo per incollarli fonte

Ora proviamo a replicare la notte stellata, altra famosissima opera con semplici penne e creiamo un bigliettino da portare a casa

IL BIGLIETTO “NOTTE STELLATA” DI VAN GOGH

 

Per finire, come la scorsa volta consiglio di far colorare le opere originali, questo passaggio non piace a tutti ma io credo che sia importante oltre alla creatività che abbiamo usato sopra anche avere dei paragoni per ricordare meglio il pittore stesso e cosi’ direi di farlo fare, magari con i colori a cera o ad olio o ancora far ripassare i soli contorni con cotton fioc e tempera

VINCENT VAN GOGH 2 QUADRI DA COLORARE

Per finire una piccola scheda per parlare delle cose che più sono piaciute del pittore e per fare una crocetta sui lavori finiti, visto che ovviamente non basterà una sola lezione per finire tutto 🙂 In questo modo creeremo un promemoria anche per l’insegnante che ricorderà dove è arrivata con il lavoro 🙂 Potete anche far sceglliere il lavoro da esegiure per primo ai bambini così da coinvolgerli e magari iniziare con il lavoro che ottiene la maggioranza 🙂

 

Per scaricare della misura perfetta cliccate qui, si aprirà una tabella, cliccando il link sotto si salverà automaticamente il file pdf

VAN GOGH LAVORI

davvero divertente, se lo fate mandate foto nella mia pagina facebook, saranno pubblicate con il nome della vostra scuola

 

 

Ciao a tutti, è da qualche tempo che non parliamo di arte per bambini, intesa come pittori famosi soprattutto, l’ultima cosa che vi ho fatto vedere è stato il laboratorio di Picasso qui PICASSO IL LABORATORIO

ma è quasi pronto quello di Van Gogh e nel frattempo vi lascio una piccola filastrocca su Giotto, il lavoretto consiste nel colorare nelle diverse tonalità di arancio la sua veste e il copricapo e poi su un foglio nuovo provare a fare il suo ritratto. Come vedete non serve sia molto somigliante alla realtà anche perchè non abbiamo molte fonti di quell’epoca. Quindi proviamo a fare un simil ritratto o caricatura che sia soffemandoci molto sulle sfumature da dare al suo abito, quindi alle “famose” ombre che sono difficili per tanti.

Vi assicuro che sarà un bel lavoro ma soprattutto i bambini collegheranno Giotto ai dipinti Sacri e molto datati

si scarica qui, come sempre vi si apre una tabella, sotto trovate il link per salvarla direttamente su telefono, pc, tablet in formato pdf

GIOTTOOOOOOO

Ciao a tutti, ripreso a pieno regime il lavoro? Oggi vi faccio vedere un libretto carinissimo, si fa in poco tempo e aiuta i bambini con la manualità, infatti per costruirlo basta seguire la piegatura che voi farete vedere e loro riusciranno a farlo da se, già dalla seconda elementare lo fanno senza problemi! Per la scuola quindi tutte le classi,  io inizierei anche con la prima, ovviamente se non avete classi grandi perchè in questo caso potrebbero avere bisogno di una mano …

Per fare questi libretti io ho utlilizzato quest’immagine che fa capire perfettamente come fare, in caso piu’ avanti mettero’ un video dove potete vedere meglio i passaggi.

fonte

io questi libretti li ho utilizzati per mettere i libri più belli che hanno letto (bella l’idea di segnare anche quelli presi nella libreria scolastica)

per vedere altri libretti qui

IL LIBRO DA DISEGNO A CUORE FAI DA TE

BULLET JOURNAL FAI DA TE CON IDEE E STAMPABILI (ADULTI E BAMBINI)

 

 

 

Ciao a tutti,

parliamo  di PIcasso, a dire la verità volevo postare questo lavoro molto prima ma volevo sistemare un attimo i vari punti per creare appunto il laboratorio.

Questa ė stata la mia personale idea, quindi ovviamente se volete fare le cose in modo diverso lo potete fare. Io ho preferito andare per gradi, prima presentare il pittore (a questo proposito presto un breve riassunto per lapbook) poi far disegnare piu’ volte un soggetto con gl iocchi dei pittore stesso e per finire la visione di alcune opere per poi sceglierne una da colorare

Quindi iniziamo, per prima cosa come detto sopra dobbiamo fare una piccola presentazione a Picasso (che trovate qui PARLIAMO DI PICASSO, CON 2 QUADRI DA COLORARE

Come secondo passo possiamo far vedere questo foglio (ma meglio dare una copia ad ogni bambino) per imparare come passiamo replicare il suo stile e a questo punto  fare creare la prima loro personale versione in bianco e nero, scegliendo il tipo di viso, occhi e naso e renderli il più possibile somiglianti alla scheda

fonte

 

Un altro sistema per far capire meglio come dividere un foglio per creare il viso lo potete trovare qui, magari questo potete farlo vedere voi alla lavagna, continuando con la spiegazione

fonte

 

Come terzo passo invece creiamo di nuovo un piccolo quadro ma questa volta invece di scegliere come fare le varie parti del viso sarà il dado a scegliere per noi! Infatti per questo gioco che può essere fatto in solitario come invece avere un numero di partecipanti indefinito dovremo tenere a portata di mano un dado e la scheda che potete vedere qui sotto, a questo punto ogni bimbo lancia il dado ed in base al numero uscito crea la propria versione

fonte

A questo punto dovremmo essere a buon punto quanto a conoscenza dei soggettti di Picasso. Ora possiamo fare vedere diverse opere cosi’ da discutere sui colori e soprattutto sul fatto se riescano a vedere ancora una volta come i soggetti risultino differenti dalla realtà!

Per ultimo passaggio (facoltativo per chi non ama le schede prestampate ma utile per ricordare meglio questo fantastico pittore) provare a replicare il quadro colorandone uno suo in bianco e nero, ancora una volta ne trovate un paio qui con la spiegazione che dicevo all’inizio PARLIAMO DI PICASSO, CON 2 QUADRI DA COLORARE

Un altra simpatica cosa che ho fatto è quella di partire da un viso disegnato che puo’ essere fatto dai bambini oppure direttamente prendere questo qui sotto e poi con l’altra scheda tagliare ed incollare le parti (naso, orecchie ecc) infine colorare il tutto con i pastelli a cera.

fonte

fonte

Spero vi sia piaciuto, ovviamente per parlare di Picasso non basta parlare di visi però è una cosa che fa divertire e permette di riconoscere sempre il pittore ai bambini e quindi merita sicuramente tutto il lavoro. Per terminare il tutto possiamo far creare un bigliettino per chi loro voglioni sempre in stile Picasso, solo provando a fare da soli con tutto quello che ricordano del laboratorio.

esempio di creazione ::) qui sotto con il cartoncino e’ stato realizzato un fiocchetto per i capelli

Per finire un foglio di appunti dove segnare i giochi-lavori eseguiti e dove scrivere qualcosa su questo fantastico pittore, bella l’idea di metterlo davanti ai lavori eseguiti cosi’ da far capire a chi si riferiscono

si scarica qui PICASSO PRESENTO

 

 

Ciao a tutti, lo avete visto Emoji il Film? Io sono appassionata di cartoni in genere perchè poi non è vero che quando sei grande non ti piacciono più 🙂 e quindi ispirandomi al simpatico protagonista che riesce a fare praricamente tutte le faccine del telefono ho deciso di creare una doodle art, come vedete alcuni spazi li ho già riempiti, come nel zetangle ma in modo molto, molto semplice, mentre molti altri sono ancora da fare. Personale poi l’idea se colorare il viso solo di giallo e gli occhi a cuore rossi come classico…oppure anche li mettere le classiche onde o righe da colorare ad esempio con i colori a contrasto o complementare

Come vedete l’immagine non mi è venuta benissimo ma lo ho fatto senza modificare e vi assicuro che da colorato e (se volete) ripassato fa un gran bell’effetto. Se riesco caricherò delle foto più avanti perchè quelli fatti non sono riuscita a fotografarli 🙂

IL TUTTO MOLTO SEMPLICE E A MISURA DI BAMBINO, PER INIZIARE POSSONO FARE LINEE RETTE, ONDULATE O SEMPLICI PUNTINI, VEDI QUI AD ESEMPIO UNA SCRITTA

 

Qui un ripasso sui colori ORSETTO INSEGNA COLORI Itten e i Primari, secondari, terziari e complementari

i capelli sono di un giallo leggermente piu’ intenso, un po’ come l’ocra, se non lo avete potete mescolare giallo e arancio, bellissimo effetto comunque.

Si scarica qui sotto

emoji doodle art semplice

se volete invece dei riquadri e dei suggerimenti per l’interno potete vedere il post qui

SCHEDA PER SPAZI ZETANGLE, DOODLE CON VIDEO DIMOSTRATIVI

qualcosa da colorare invece qui

Mandala-zetangle da colorare primavera

IL CASTELLO PAUROSOOOOO ZETANGLE

se vi interessa invece pittura in profondita’ tramite strisce

PIPISTRELLI E FANTASMINI IN 3 D PER HALLOWEEN (DISEGNO)

 

 

Ciao a tutti, ancora lavoretto, questa volta proveremo a replicare il bellissimo fiore Giacinto creando un veloce timbro di recupero

Materiali utilizzati

Tappo bottiglia di plastica

Tempere (vi consiglio soprattutto usando le tempere di comprare solo i colori primari così da imprimere meglio le varie mescolanze al bisogno)

Pennarello verde

Rotolo di scottex o igienica vuoto

Rondelle  (facoltative) e mini forme ottenute da carta argentata o ancora brillantini

Colla vinilica

Carta o Cartone

 

Come si fa

Per prima cosa utilizziamo se lo avete fatto gli avanzi del rotolo coloranto con le tempere di verde che ci e’ servito qui IL MAZZO DI ROSE… DI RICICLO, con fondi bottiglia e rotoli Scottex

altrimenti fatene uno nuovo. Una volta colorato pressiamolo per tagliarlo meglio e prendiamo un cerchio ottenuto tagliandolo a meta’ a sua volta, cosi’ da creare una foglia (vedi foto) Io la foglia ho deciso di mantenerla un po’ effetto 3 d non incollandola del tutto ma voi ovviamente potete fare come meglio credete.

Prendiamo un foglio a4 e pieghiamolo a meta’ (per fare il biglietto, altrimenti potete anche creare un campo di giacinti colorati) mescoliamo il blu al rosso nelle dosi che preferite per ottenere un colore viola. Ora la parte divertente, con il pennarello verde facciamo una liea verticale, prendiamo il tappo di bottiglia e andiamo a prendere il colore per creare dei perfetti cerchi intorno alla linea appena fatta! incolliamo la foglia e (facoltativo) delle versatilissime rondelle per viti che potete chiedere a qualche uomo che ne avrà certamente in abbondanza! Ancora facoltativo aggiungete delle stelline o cuoricini fatti con carta argentata (cosi’ da farle brillare) o brillantini