Ciao a tutti, breve storia con lavoretto di Tina la gattina, i bambini dovranno mettere l’h dove va oppure lasciarla senza. Ci tengo molto a questo argomento perchè soprattutto sui social noto come l’h sia un grosso problema anche per molti aduti e trovo che l’unico modo sia impararla molto bene sin da piccoli per non sbagliare mai.

COME SEMPRE HO LASCIATO HO LASCIATO 2 ERRORI, SULE AL POSTO DI SULLE, E COSA AL POSTO DI CODA, CHI SE NE ACCORGERA’ PER PRIMO?

Dopo aver completato la scheda possiamo fare in 2 modi

  1. far copiare tutto, tagliare e colorare Tina con una ciotola dove aggiungere carne o pesce
  2. incollare la scheda, far colorare la ciotola preferita disegnando all’interno carne o pesce e portarla vicino alla gattina con una freccia.

se vi piace si scarica qui, COME SEMPRE SOTTO LA TABELLA CHE SI ANDRA’ AD APRIRE TINA LA GATTINA

Ciao a tutti, penso che per i bambini il testo fantastico rappresenti per eccellenza la lettura ideale e proprio per questo ho creato questa brevissima storia da creare nel vero senso della parola!

Prima leggiamo insieme la storia, scopriamo cosa ci puo’ essere di reale e cosa non ci può essere e poi creiamo la scena nel giardino di 

FATA PINGUINA!

Per prima cosa come suggerito dobbiamo ritagliare e colorare FATA PINGUINA, incollarla su un foglio bianco, per me al centro del foglio, poi ognuno può personalizzare come vuoile.

Una volta fatto dobbiamo colorare e ritagliare i fiori che andranno incollati davanti alla fatina.

Successivamente creiamo una pianta dove andranno attaccati i dentini. Come detto si possono ritagliare dalla carta bianca della fotocopia con la fiaba.

Una volta fatto tutto per creare le bolle di polvere fatata colorata dovremo utilizzare dei tondini, presi da una bucatrice ma anche se ne avete da vecchi coriandoli messi via bene  e attaccarli su tutto il fogllio. Facoltativo qualche brillantino color oro. Semplice e divertente!

Altre piccole storie per giocare le trovate  QUI GIOCO STORIA

E presto ne pubblicherò molte altre che tenevo da parte.

Se vi è piaciuta si scarica qui con le istruzioni FATA PINGUINA

COME SEMPRE SI APRIRA’ UNA PAGINA CON LA TABELLA, IL LINK PER SALVARE E’ APPENA SOTTO

A presto

Ciao a tutti, vi lascio velocemente una filastrocca con FA-FE-FI-FO-FU

Come sempre con lavoretto, questa volta bisognerà ritagliare la Fatina,  incollarla e fare il filo che tiene tra le mani piu’ lungo, incollare sopra una maglietta fresca di bucato (disegnando la molletta) mentre l’altra la dovremo accartocciare, come vedete dalla foto, incollarne solo una parte in modo che si possa piegare ed aprire sotto quella stesa e “sporcarla” di gelato con una macchia del colore preferito.

si scarica qui, come sempre si aprirà una pagina con una tabella, il link da cliccare per salvarla è appena sotto filastrocca fafefifofu

 

 

Ciao a tutti, vi lascio velocemente una filastrocca, con lavoro, questa volta i bambini dovranno fare il “contrario” di quel che dice la filastrocca, infatti Gigi il subacqueo prende dei pesci per il suo acquario ma questa volta noi dopo averli colorati dovremo incollarli di nuovo nel mare, per liberarli!

Filastrocca con l’utilizzo del CQ, come noterete a volte lascio un paio di errorini,, non sono sviste, spesso lo faccio proprio per vedere se i bimbi si accorgono dell’errore e vi dirò che hanno l’occhio allenato! 😀

In questo caso potete ad esempio vedere si risciacqua e e si attiva! Questo perchè solitamente la faccio copiare e ritaglio-coloro solo i lavori

SI SCARICA QUI, COME SEMPRE SI APRIRA’ UNA TABELLA, IL LINK PER SALVARE LO TROVATE APPENA SOTTO!

LAVORO CQ

 

si scarica qui per avere una grafica ottimale,.

Come sempre si apre la pagina, dovete cliccare sotto la tabella dove leggerete scritto si scarica quI GNOMO MIGNOLO

Altra mia filastrocca dove questa volta i bambini dovranno (dopo aver ripassato il castello)

creare un vero scenario tagliando, incollando i personaggi e aggiungendo le montagne e la vigna che mancano nella scena

si scarica qui USIGNOLO

per scaricarla di buona qualità la trovate qua GNOMO GNAGNO

Ciao a tutti,

come ormai chi ci segue sa bene ci divertiamo molto a trovare qualche piccolo lavoretto, gioco o filastrocca per tutti i libri.

Oggi ė la volta di un classico amatissimo, tra le fiabe più conosciute nel mondo e tramandate da generazioni, quindi per questo motivo non mi soffermo affatto sulla storia ma inizio subito con il lavoretto

Materiali necessari

1 sasso

Stampa del disegno e filastrocca che troverete qui pinocchio lavoro

pennarelli

matita e gomma

 

Come vedete la filastrocca fa cosi

 

Questo sassetto porta un berretto che ha fatto Geppetto tempo fa.

Il caro PInocchio di marachelle, ne ha fatte di belle,

ne parlan tutti nella città!

Con Barbarossa, il gatto e la volpe ha perso denaro in quantità ,

per non parlare dell’asinello che è diventato per non ascoltar papà,

Nella balena, lo ha poi ritrovato e gli ha promesso che buono diventerà

Con il grillo si ė confidato, mai piu bugie racconterà.

La fatina lo ha quindi aiutato, da burattino ė diventato bambino vero, proprio come sei tu

 

Vuoi aiutare la magia della fatina?

Lavoretto molto semplice, dopo aver letto la fiaba e la filastrocca per prima cosa dobbiamo disegnare il viso di Pinocchio su di un sasso ( al mare bellissima idea fare un piccolo teatrino pe ripercorrere la storia con i sassi che fanno da personaggi principali, presto vi farò vedere una versione con un altta storia) una volta fatto il viso parliamo delle principali bugie che ha raccontato e ogni volta allunghiamo un pochino il naso

Un altro modo ė di dare il sasso ad ogni bambino che allunghera’ il naso scrivendo nel retro il numero di bugie che ricorda, alla fine si ripercorromo tutte le bugie e va sistemato il naso (facoltativo)

Dopo avere fatto il lavoretto con il sasso Pinocchio in maniera molto semplice (come vedete essere il nostro in foto che però ha una bella particolarità, quella di essere leggermente in rilievo al centro dove noterete ho fatto il viso di PInocchio ) date lo stampabile al bambino  per aiutare la Fata Turchina a far diventare Pinocchio un bambino vero, per farlo dovrà creare una scia di magia incollando pezzetti di cartoncini avanzati e brillantini (tutto intorno alla polvere magica che ho gia’ messo  in scheda e a fianco dovrà disegnare e colorare pinocchio bambino Come vi dicevo molto semplice ma permette di comprendere la storia (parte delle bugie) e fare comunque un lavoro creativo.allo stesso tempo simpatico, bella idea anche di imparare la poesia per ricordare un piccolo riassunto della storia

flower-3244414_960_720.png

prato 2

Ciao a tutti, ancora un lavoretto primaverile, come idea e’ quella che il grande biglietto sia un prato (vedi esempio) che va colorato, come anche le farfalle che poi troveranno casa sopra di lui. Per incollare le farfalle potete farlo sia cosi’ diritte che piegandole a meta’ come vi avevo fatto vedere tempo fa qui (e’ un lavoro che faccio molto spesso a che viene veramente molto simpatico) GIORNATA DELLA MEMORIA foglio da decorare con farfalle svolazzanti

A questo punto ognuno scrive una piccola frase sulla primavera a piacere. Per un’idea in piu’ dopo aver stato tagliato e incollato su quaderno o cartoncino colorato il prato potete fare come vedete nell’esempio colorato delle scie di volo per le farfalle e incollarle appuna fuori di esso.

Si scarica qui prato frase

Ciao a tutti, parliamo di ENANTIOSEMIA forse non tutti sanno il suo significato,in genere sono singole parole ma anche intere proposizioni che hanno due significati opposti. Si tratta di una forma di polisemia. Un esempio molto chiaro e’ la parola cacciare che può significare sia allontanare (ad esempio il nemico) sia inseguire (come in cacciare la selvaggina) ma anche ficcare (l’astuccio nello zaino), un’altro esempio molto chiaro e’ alto può significare sia elevato (alta montagna) sia profondo (alto mare). Ma per fare capire meglio il significato ai piccoli puo’ essere detta anche la parola storia, significa sia bugia che racconto veritiero oppure pauroso può significare sia che ha paura (es. e’ una persona paurosa) sia che incute paura.

Parliamo poi in modo approssimativo di parole omografe (si scrivono allo stesso modo ma si pronunciano in modo diverso) o di parole omofone, un esempio di omografia e’ la parola pesca (frutto, pescare un pesce) in questo caso dovremmo allargare il discorso sugli accenti ma le cose si fanno piu’ difficili per i piccoli, inoltre se vogliamo proprio vedere dipende anche dall’accento della zona di appartenenza, ci sono delle zone al nord dove ad esempio pésca viene detto allo stesso modo e non pèsca (frutto) e pésca (di pesce).Vengono dette omonime visto uguali ma con significati diversi, tutte le parole che sono sia omografe che omofone ad esempio grappa, e’ un monte ma e’anche un liquore.

Ci sono poi le frasi prese da detti popolari, modi di dire, proverbi, di tutto un po’.
A questo proposito ci sarebbe da fare un nuovo post per spiegare come vengono dette tutte queste parole, frasi ecc o ci sarebbe da parlarne in modo piu’ approfondito ma oggi ci soffermeremo solo sul gioco. Ai bambini piacciono molto i modi di dire non so se avete mai provato anche voi a parlarne 😊

Il gioco lo troverete da scaricare sotto, HO FATTO 2 VERSIONI 1 CON LE PAROLE UGUALI MA CON SIGNIFICATI DIVERSI (omonime) in cui ho messo 2 parole omografe (e’ gia’ suggerito) ed una sola enantiosemia. Un’altra scheda invece e’ fatta dai modi di dire piu’ una vuota

Per quella dei modi di dire (molto divertente)magari spiegate una volta in piu’ PER CREARE MENO CONFUSIONE NEI PICCOLI
TROVERETE ANCHE UNA SCHEDA BIANCA DOVE AGGIUNGERE LE VOSTRE parole CHE TROVERANNO I BAMBINI NELLA SECONDA PARTE DEL GIOCO… a questo punto ci si divide im 2 squadre ed ora…

Preparazione

Una volta stampate le carte, potrete vedere che le ho fatte da colorare in modo che ogni bambino del gruppo possa crearne una, la pagina bianca per mettere le vostre parole o frasi andra’ usata come opzionale oppure nella seconda parte del gioco (magari vedete se riescono a trovarne) così se sarete piu giocatori allo stesso modo tutti ne avranno una da fare. A questo punto per renderle più robuste dovrete farle incollare su cartone di recupero, magari chiedendo di portarlo qualche giorno prima, vanno benissimo quelli della pasta, cereali o altre leccornie, anche questo lavoro lo potranno fare in autonomia
Una volta pronte dovrete mescolare le carte (quelle dei modi di dire dovranno invece essere visibili nel tavolo) ovviamente sarà sia la casualità e un pizzico di preparazione che farà vincere 😂

IL GIOCO
Inizia il gruppo avversario al bambino piu grande della classe che pesca una carta, dice ad alta voce una frase contenente la parola,
ora il gruppo avversario deve dire la stessa parola in un’altra frase che ne cambi completamente il significato.

ESEMPIO CON UNA DELLE 2 PAROLE OMOGRAFE CHE HO MESSO
PESCA —-PESCA

Ieri sera ho mangiato una pesca succosa. CArta conquistata
Mio cugino ama la pesca sportiva (squadra conquista carta e tocca a loro pescare la prossima)

omonimia
LAMA——LAMA

Allo zoo ho visto un lama, sputava!
La lama del coltello di Paolo e’ molto affilata

Nel caso esca una parola come ad esempio CORDA i bambini potranno prendere la carta dei proverbi, modi di dire e
quindi il primo fara’ la frase semplice, l’altro gruppo dovra’ spiegare il modo di dire

CORDA—-TAGLIARE LA CORDA

Mio nonno mi ha insegnato a fare dei nodi con la corda quest’estate al mare

TAGLIARE LA CORDA significa anche scappare, andare via di corsa

SECONDA PARTE: A questo punto per assegnare gli ultimi 2 punti che potrebbero ribaltare i risultati tra le sfide va dato un foglio per squadra e i bambini dovranno lavorando in gruppo trovare delle parole simili con significati diversi o dei modi di dire e disegnare sulle schede, il tutto in 20-30 minuti.

A questo proposito sara’ bello vedere nella seconda parte del gioco se i bambini ne troveranno altre con corda
ESSERE GIU’ DI CORDA—-METTERE ALLA CORDA QUALCUNO—-TIRANDO LA CORDA PRIMA O POI SI SPEZZA—TESO COME UNA CORDA DI VIOLINO—TIRARE LA CORDA ECC ECC

Se vi piace il gioco (che puo’ essere isruttivo per imparare cose che magari si danno per scontate ma non lo sono)PRESTO CARICHERO’ ALTRE SCHEDE SIMILI! si scarica qui
il gioco delle parole e dei modi di dire

 

lalla farfalla e.jpg

 

Ciao a tutti, nuova storia sempre a tema fiducia in se stessi e quindi bullismo, si perchè i bulli si attaccano proprio alle persone più fragili e che non riescono a difendersi,  quindi credo sia molto importante prima di tutto stimolare ad avere fiducia in se stessi, a far capire ai bambini quanto sia importante che caspiscano che siamo tutti uguali, tutti esseri umani, nessuno eccelle su niente di quel che fa se non per aver sudato, per passione, poi ovvio possiamo avere delle “predisposizioni” in qualche cosa ma vanno sempre allenate e ognuno di noi e’ bravo in qualcosa da grande, che sia il cucinare, spiegare e mille altre cose.

Al termine della storia questa volta dovranno disegnare sul foglio Lella, (Lalla la vedete sopra) come la immaginano, proprio perche’ e’ scritto che e’ molto insucura e non e’ pero’ detto come sia fisicamente, quindi per capire se insicura deve per forza essere uguale a brutto, invece puo’ anche essere bellissima!

si scarica qui Lella e Lalla

27718332_10215009252774322_1067953014_n.jpg

Ciao a tutti, nuovo lavoretto, questa volta a differenza delle altre di cui abbiamo parlato di bullismo parliamo di timidezza ed introversione. L’ape Camilla al termine del racconto verra’ costruita di lato, cosi’ da poterla incollare direttamente nel foglio.

scimmia

si scarica qui L’ape Camilla

come costruire Camilla:

 

-post it gialli e azzurri

-cartoncino nero

-occhietti adesivi o carta bianca

-pennarello nero e rosa

come si fa:

Tagliamo 3 cuori mettendo la carta doppia e disegnando come in foto.  Incolliamoli insieme e pieghiamoli a meta’

Tagliamo 2 cerchietti per il viso, un piccolo tondino per l’antenna e un’ala dal post-it azzurro. Assembliamo il tutto e…incolliamo nel foglio.

Se volete creare la vostra ape grande la trovate da stampare e assemblare qui L’APE PRIMAVERA stampabile