• Ciao a tutti, vi lascio una breve filastrocca da colorare, il paese delle vacanze, rimanendo sempre a tema ultimi giorni di scuola.

paese delle vacanze

Come dicevo sopra il pinguino in vacanza e’ da colorare e come sempre se vogliamo aggingere qualche disegno del luogo di vacanza o disegnare una pagella per il pinguino o ancora le cose descritte nella filastrocca…largo alla fantasia, a presto

si scarica qui IL PAESE DELLE VACANZE

Come vi spiego sempre cliccando sopra si aprira’ una tabella, per salvare nel telefono, pc o tablet cliccate di nuovo la scritta SOTTO la tabella

a presto

Ciao a tutti, parliamo questa volta di matematica, tempo fa ho messo una categoria specifica, chi ci segue sa che soprattutto io mi diletto con piccoli giochi  inventati che poi sono anche educativi, ovviamente non metto tutto quel che ho fatto nel blog, tra l’altro la categoria la ho messa da poco tempo ma qualcosa potete trovare sotto la voce MATEMATICA appunto. Questi piccoli problemi nascono da una scheda per un’amica che ho deciso di condividere con voi.

Come vedete sono addizioni e sottrazioni semplici ma perfetti per la classe 1 visto ci sono numeri fino al 20 ma una volta sommati (ad esempio per le noccioline  che sommate arrivano a 27) possiamo vedere la preparazione dei bambini

I problemi sono illustrati perche’ dopo avere trascritto o tagliato il problema tra i numeri  per risolverlo possiamo mettere le giuste illustrazioni, per farvi capire nel primo problema ad esempio tagliamo ed incolliamo le mele, coloriamo e scriviamo il numero esatto, sotto disegniamo tutte le 21 mele (5 gialle, 4 rosse e 12 verdi) e scriviamo l’addizione, non dimenticando di rispondere all’altra domanda (comprensione del testo) che chiede quali mele mangera’ la mamma secondo i suoi gusti

Spero vi possa tornare utile, si scarica qui problemi classe 1

 

 

Ciao a tutti, chi mi segue su facebook sa che ogni tanto posto qualche frase anche da colorare, tempo fa ho postato un disegno da colorare preso da un quadro di Picasso, precisamente i 3 musicisti! Ho pensato cosi’ di mettere qui sia questo che l’arlecchino pensoso che avevo fatto e non postato per carnevale…

Ho sempre aspettato prima di parlare di questo pittore perche’ nel tempo ho preparato diversi materiali e anche perchè come faccio quando presento per la prima volta un lavoro mi piace parlare anche un po’ della vita del pittore. Quindi parliamo un attimo di Picasso, non credo serva una gran presentazione perchè e’ davvero forse il Pittore piu’ conosciuto

Pablo Ruiz y Picasso,  noto come Pablo Picasso e’ un pittore spagnolo, nato a Malaga, il  25 ottobre 1881, morto in Francia a Mougins nel 1973, come premesso sopra forse uno dei più conosciuti se non protagonista assoluto tra i pittori del XX secolo, anche perchè è stato l’iventore del CUBISMO insieme a George Braque.

Tornando indietro nel tempo possiamo dire che dal 1901 lo stile di Picasso iniziò a mostrare dei tratti originali. Ebbe inizio il cosiddetto PERIODO BlU . Il nome a questo periodo deriva dal fatto che Picasso usava dipingere in maniera monocromatica, utilizzando prevalentemente il blu in tutte le tonalità. Fece poi un anno nel PERIODO ROSA, ad essere raffigurati questa volta sono sempre personaggi ma  presi dal circo, saltimbanchi e maschere. Dal 1907 circa inizio’ il periodo cubista, Picasso nello stesso periodo si interessò alla scultura africana, sulla scorta dell’esotico primitivo e con il quadro «Les demoiselles de Avignon»  segnò l’avvio della stagione cubista. Qui insieme a George Branque inzio’ ad essere popolare cosi’ come lo e’ ancora oggi. Il passaggio dal cubismo analitico al cubismo sintetico rappresentò un momento fondamentale della sua evoluzione. Il pittore era  più interessato alla semplificazione della forma piu’ che alla sua riconoscibilità concettuale. Dopo 10 anni e un viaggio in Italia termino’ la fase cubismo per passare a una pittura tradizionale. La sua capacità di sperimentazione continua lo avvio’ inoltre all’espressionismo ed addirittura al surrealismo, specie nella scultura, dopo la 2 guerra mondiale infatti Picasso si occupo’ moltissimo di ceramica pur continuando a dipingere!

Ora che abbiamo una piccola infarinata della sua vita vi faccio vedere 2 quadri suoi che potete poi proporre ai bambini da colorare come da originale.

I 3 MUSICISTI

 

 

26219649_1584424914974023_3947333269490487995_n.jpg

26047209_1572205022862679_3742378389957005954_n.jpg

scarica qui i 3 musicisti

L’ARLECCHINO PENSOSO

arlequc3adn.jpg

 

arlecchino.jpg

si scarica qui arlecchino pensoso

lalla farfalla e.jpg

 

Ciao a tutti, nuova storia sempre a tema fiducia in se stessi e quindi bullismo, si perchè i bulli si attaccano proprio alle persone più fragili e che non riescono a difendersi,  quindi credo sia molto importante prima di tutto stimolare ad avere fiducia in se stessi, a far capire ai bambini quanto sia importante che caspiscano che siamo tutti uguali, tutti esseri umani, nessuno eccelle su niente di quel che fa se non per aver sudato, per passione, poi ovvio possiamo avere delle “predisposizioni” in qualche cosa ma vanno sempre allenate e ognuno di noi e’ bravo in qualcosa da grande, che sia il cucinare, spiegare e mille altre cose.

Al termine della storia questa volta dovranno disegnare sul foglio Lella, (Lalla la vedete sopra) come la immaginano, proprio perche’ e’ scritto che e’ molto insucura e non e’ pero’ detto come sia fisicamente, quindi per capire se insicura deve per forza essere uguale a brutto, invece puo’ anche essere bellissima!

si scarica qui Lella e Lalla

bruco a farfalla.jpg

Ho pensato di fare un’altra scheda anche con la versione in italiano della canzoncina vista qui DA BRUCO A FARFALLA LAVORETTO (HUNGRY CATERPILLAR SONG) CON VIDEO

Come l’altra dovrete:

Per prima cosa bisogna tagliare e colorare la foglia esterna (quella con le venature) colorare il bruco ed incollarlo sopra.

Sulla seconda foglia (senza le venature ma con la canzoncina) i bimbi dovranno disegnare una farfalla, ovviamente va colorata con i colori chiari proprio per far vedere anche la scritta, quindi useremo giallo, arancione e rosa ad esempio in prevalenza.

Incollate poi la prima foglia con il bruco sopra la seconda (solo la parte sopra della foglia) in questo modo si aprira’ come un biglietto-libretto

si scarica qui:

da bruco a farfalla

se volete vedere un altro lavoretto a tema lo trovate qui DA BRUCO A FARFALLA

 

 

kkkkkkCIAO a tutti, abbiamo visto qui (DA BRUCO A FARFALLA ) la metamorfosi che fa un bruco per diventare farfalla (con video) e ho pensato di mettere un lavoretto anche in inglese, che non sia troppo complicato!

Per prima cosa bisogna tagliare e colorare la foglia esterna (quella con le venature) colorare il bruco ed incollarlo sopra.

Sulla seconda foglia (senza le venature ma con la canzoncina) i bimbi dovranno invece disegnare una farfalla, ovviamente va colorata con i colori chiari proprio per far vedere anche la scritta, quindi useremo giallo, arancione e rosa ad esempio in prevalenza.

Incollate poi la prima foglia con il bruco sopra la seconda (solo la parte sopra della foglia) in questo modo si aprira’ come un biglietto-libretto

si scarica qui:

 

hungry caterpillar

farfalla.jpg

CIAO a tutti, vi lascio velocissimamente una scheda per spiegare la metamorfosi da bruco a farfalla!

Sono quattro i principali stadi di un ciclo vitale di una farfalla: uovo, bruco, crisalide e adulto

qui sotto troverete la scheda da stampare, bisogna tagliare e colorare poi incollare su un foglio o un quaderno le giuste fasi con sotto il nome (da tagliare e scegliere)

bruco a farfalla

per vedere un interessante video invece eccolo qui

 

mondo memoria

Ciao a tutti, veloce lavoretto per il GIORNO DELLA MEMORIA, non mi andava di creare il foglio con le classiche “manette”, prigioni ed altro ma ho preferito mettere una frase tratta dal diario di Anna Frank che vuole essere anche una speranza per il mondo di domani, per non fare piu’ guerre e distinzioni di razza.

Per decorare tutto il foglio ho pensato a delle semplici farfalle, troverete lo stampabile insieme alla frase, sono da ritagliare, colorare con i colori dell’arcobaleno e incollare le farfalle piu piccole dopo aver piegato le ali su quelle piu’ grandi, in questo modo le farfalle grandi saranno incollate nel foglio per intero, mentre le piu’ piccole sopra sembreranno volare!

vedi da foto (fonte), non ho ancora finito il lavoro, quindi magari lo postero’ piu’ avanti, pero’ come detto va fatto proprio come quello in foto

a4d5821cc18d08455f6527bd66dc3583.jpg

Potete scaricare il lavoretto qui

lavoretto farfalle

 

a presto

bandiere da mettere.jpg

CIAO A TUTTI, VI LASCIO VELOCEMENTE UNA SCHEDA UN PO’ STRANA, SI TRATTA INFATTI DI COLORARE LE BANDIERE COME SOPRA E DI SCRIVERE nella parte bianca  (O CON DELLE FRECCE attaccando su 2 pagine di quaderno) LA RISPETTIVA NAZIONE CHE SI E’ POTUTA RICONOSCERE, bel lavoretto per i piu’ grandi, infatti colorare ed osservare al tempo stesso puo’ facilitare la memoria ad esercitarsi e ricordare meglio qualche nozione geogragica in più

si scarica qui BANDIERE MISTE

20170606_184636.jpg

Ciao a tutti! Oggi vi voglio fare vedere un gioco che ho creato per un motivo, poco tempo fa ho acquistato delle carte yu gi oh ma ho notato che non sono proprio semplici da usare per i bambini, e’ vero che nelle scuole impazza la moda per le carte dei pokemon che sono molto più semplici, simpatiche anche da scambiare come le classiche figurine per allargare la collezione ma anche poi giocabili pero’ ne volevo di ancora più semplici da far usare più che altro come gioco di fortuna più che di strategia ma che facessero anche ragionare sui numeri maggiore e minore sopra i 100 e così sono nate le carte animaletto 😂

SI SCARICANO QUI gioco mostriamici

COME PREPARAZIONE DOVRETE SOLO STAMPARE DUE COPIE, TAGLIARLE E GIOCARE! SE LE VOLETE PIU’ ROBUSTE LE POTETE INCOLLARE SU CARTONE DI RECUPERO OPPURE PLASTIFICARE, IO QUESTA VOLTA NON HO FATTO NIENTE (STRANO MA VERO) E LE HO TENUTE IN CARTA ANCHE PERCHÉ LE HO SISTEMATE PER BENE, UN GIORNO VI FARO VEDERE COME METTO VIA UN SACCO DI GIOCHI CARTA-SCHEDE

COME SI GIOCA:

ATK SIGNIFICA ATTACCO, MENTRE DIF DIFESA

Vanno divise e date le stesse carte per numero di giocatori, le carte vanno disposte davanti a se coperte, inizia il giocatore più giovane che sceglie una delle carte davanti a se e la gira, l’ altro giocatore fa la stessa cosa con una delle sue carte

ORA OSSERVIAMO LA PRIMA CARTA GIOCATA, per vincere ATK (ATTACCO) DEVE ESSERE MAGGIORE DELLA dif (DIFESA) DELL’AVVERSARIO, CHI VINCE prende le  2 carte e NE GIOCA UNA NUOVA, COSI FINO A FINIRE TUTTE LE CARTE

come detto sopra e’ un gioco di fortuna anche perche’ ho messo diversi attacco minori della difesa, questo per fare un altro gioco di calcolo che come perfeziono ve lo faro’ vedere, ma puo’ benissimo essere giocato cosi, ci sono 2 carte bonus, uno aumenta di 100 al difesa e l’altra l’attacco

Vince chi ne ha di piu’ una volta che le carte sono terminate