CIAO A TUTTI! Altro laboratorio, dopo quello di successo su Picasso (i bambini lo riconoscono subito non è vero?) fatto qui PICASSO IL LABORATORIO oggi ve ne faccio vedere un’altro sul grande Van Gogh.

Come la scorsa volta per iniziare una piccola presentazione del pittore con lavoretto (anche per lapbook) la trovate qui

LAVORETTO-PROMEMORIA VINCENT VAN GOGH con girasole da colorare-tagliare-incollare (anche per lapbook)

e vi consiglio di farlo perchè è davvero simpatico!

Subito dopo dobbiamo mostrare immagini di opere vere di questo grande pittore

 

A questo punto possiamo far vedere questo disegno che insegna a creare un paesaggio con campo di grano come quelli che tanto amava fare Van Gogh  e provare a farlo replicare, visto come vedete è abbastanza semplice fonte

Un altro lavoro da fare a tema girasole (come nel primo lavoretto) è questo, libera fantasia e creatività, per questo progetto ho pensato di far usare a piacere tempere, pennarelli, matite colorate e anche materiali vari dal cartoncino colorato a piccoli pon-pon, brillantini, gomma eva ecc ecc, verranno dei lavori davvero “brillanti” fonte

Un altro lavoro molto creativo ed interessante è creare lo scenario, permette di copiare la famosa opera La sedia di Vincent, che trovate qui sotto  ma puo’ essere utilizzato anche per creare biglietti 3d semplicemente ritagliando e piegando la parte sotto così da fare stare in piedi i soggetti, oppure allo stesso modo per incollarli fonte

Ora proviamo a replicare la notte stellata, altra famosissima opera con semplici penne e creiamo un bigliettino da portare a casa

IL BIGLIETTO “NOTTE STELLATA” DI VAN GOGH

 

Per finire, come la scorsa volta consiglio di far colorare le opere originali, questo passaggio non piace a tutti ma io credo che sia importante oltre alla creatività che abbiamo usato sopra anche avere dei paragoni per ricordare meglio il pittore stesso e cosi’ direi di farlo fare, magari con i colori a cera o ad olio o ancora far ripassare i soli contorni con cotton fioc e tempera

VINCENT VAN GOGH 2 QUADRI DA COLORARE

Per finire una piccola scheda per parlare delle cose che più sono piaciute del pittore e per fare una crocetta sui lavori finiti, visto che ovviamente non basterà una sola lezione per finire tutto 🙂 In questo modo creeremo un promemoria anche per l’insegnante che ricorderà dove è arrivata con il lavoro 🙂 Potete anche far sceglliere il lavoro da esegiure per primo ai bambini così da coinvolgerli e magari iniziare con il lavoro che ottiene la maggioranza 🙂

 

Per scaricare della misura perfetta cliccate qui, si aprirà una tabella, cliccando il link sotto si salverà automaticamente il file pdf

VAN GOGH LAVORI

davvero divertente, se lo fate mandate foto nella mia pagina facebook, saranno pubblicate con il nome della vostra scuola

 

 

Ciao a tutti, ancora un lavoretto in pixel art, questa volta la protagonista sara’ la signora giraffa!!!!

Volevo mettere come faccio molte volte una piccola filastrocca ma poi ho pensato di optare per una

presentazione del mammifero, cosi’ da far capire a che specie appartiene, e di cosa si ciba principalmente, come vedete

va poi aggiunta la sua peculiarità e il nome dell’animale e ripassare la bocca di rosso e aggiungere l’occhio, di solito lo faccio io ma ho voluto lasciare libero in modo che potete ad esempio far incollare un occhietto mobile,

molto semplice ma molto divertente! Nella scheda con i codici

ho invece messo un riquadro, qui bisognerà invece disegnare e colorare la propria versione della giraffa.

Come sempre sotto potete scaricare la scheda con i codici e la breve descrizione in formato pdf, come vi dicevo in questo nuovo sito quando cliccate il pdf non si salva subito ma apre un altra pagina, li dovrete cliccare sotto la piccola tabella per salvare nel pc la scheda, spero di riuscire entro breve a sistemare un attimo qualche impostazione e fare come sempre che si scarica appena si clicca, portate pazienza 🙂

Spero vi sia piaciuta, a presto

giraffa lavoretto pixel art

 

 

colori-caldi-e-freddi

CIAO  TUTTI, oggi parliamo di colori caldi e freddi.

Come saprete la divisione in colori caldi e freddi e’ piu’ che altro data dalle sensazioni che trasmettono, infatti se osserviamo  i colori caldi  (anche detti “uscenti”) sembrano dare l’impressione di avvicinamento a chi li guarda. I colori freddi, al contrario,  (detti “rientranti”), perche’ l’effetto e’ di allontanamento rispetto a chi li guarda.

Nella ruota cromatica i colori sono divisi in caldi e freddi, i primi costituiti quindi da gialli, rossi e arancioni, i secondi  azzurri, verdi e viola. I colori secondari formati da parti diverse di colori, si dicono di colore caldo o freddo in base alla percentuale maggiore di essi presente nella miscela.

Molto importante la scelta dei colori anche per generare emozioni su chi le guarda, infatti solitamente il blu, azzurro danno sensazione di tranquillita’, mentre il giallo e rosso di allegria.

Oggi vi lascio velocemente un disegno da colorare (come quello sopra), giorno e notte, proprio per usare le diverse gamme di colori

colori-caldi-e-freddi-paesaggio-da-fare

se volete parlare ancora di colori vi lascio al post

IL CERCHIO DEI COLORI DI ITTEN da colorare (colori caldi e freddi) copertina quaderno