Nam June Paik  (Seul 20 luglio 1932 – Miami 29 gennaio 2006)  è stato un artista degli Stati Uniti ma con origini sudcoreane.

Ha lavorato in diversi ambiti artistici, ma sicuramente è conosciuto per la videoarte. E’ stato uno dei primissimi ad affiancarsi a quest’ultima ed è conosciuto a livello internazionale.

Fa mescolare musica elettronica e immagine elettronica, e presenta “Tredici distorsioni per televisioni elettroniche”.

Produce videoinstallazioni con televisori modificati, da opere più minimaliste ad opere monumentali, fantasmagoriche

Moon is the Oldest TV (1965)

 Tadaikson (The More The Better) , la torre di 1003 monitor realizzata per i Giochi Olimpici di Seul nel 1988.

L’ultima mostra di Paik è stata Moving Time: Tribute to Nam June Paik, presenting 30 International Video Artists, New York (2006).

Oggi andremo a riprodurre un’idea ispirata a DOGWATCH

Al centro della vecchia tv c’è già un’immagine con la scritta Rai al centro, nelle altre tv i bambini potranno disegnare quel che vogliono, possono essere immagini uguali, prese da angolazioni diverse, ad esempio provando a riprodurre un’oggetto oppure totale spazio alla fantasia. Si scarica qui
DOG

Ciao a tutti, oggi vi faccio vedere un laboratorio che parla dell’artista James Rizzi, per avere qualche informazione vi lascio all’articolo che trovate qui

JAMES RIZZI, PITTURARE PALAZZI NEL SUO STILE

Ho pensato a questo laboratorio perchè puo’ essere inserito anche come parentesi parlando di pop art, linfatti più che farvi vedere tante cose vi lascerò a delle immagini e dei particolari sulla loro arte, ai bambini piace molto perchè è semplice, colorata e perchè no possono fare palazzi strani come dei piccoli mostriciattoli (vedi foto))

Il primo passo è quello di fare il solito gioco a dadi che io uso molto spesso, per creare il primo palazzo e far capire meglio il suo stile. Per farlo potete utilizzare quest’immagine sotto

fonte

Il secondo passo invece è  quello di creare un vero e proprio disegno coloratissimo con paesaggio e nello sfondo palazzi nello stesso stile

 

 

Avrei voluto aggiungere altri progetti e particolari che vengono utilizzati di frequente su questo pittore, ma credo che ve ne parlerò ancora e poi come detto sopra non volevo fosse un laboratorio con troppi lavori, altrimenti sarebbe diventato difficile sia come concentrazione che come lavoro manuale.

Vi lascio quindi all’ultimo punto. Io ho utilizzato delle scatole del latte finite ma voi potete utilizzare quello che volete e creare la vostra scultura o addirittura cittadina a scuola (la bella cosa è che tagliando la parte superiore possono diventare dei piccoli contenitori dove appoggiare vari oggetti)

Prendendo spunto da queste sotto io ho creato dei palazzi davvero simparici diverso tempo fa, l’dea in più è quella del far creare la propria scuola della fantasia

fonte

fonte

Colorare una sua opera, happy moon

 

Ultima parte del laboratorio è quella di descivere cosa sia piaciuto riguardo questo pittore e segnare i progetti pensati per lui (così nel caso li facciate a più riprese saranno sempre segnati) e mettere un voto in ordine di preferenza dato dai bambini, singolarmente o in gruppo

SI SCARICA QUI, come sempre si aprirà la pagina, si scarica sotto la tabella per salvare su pc. telefono o tablet SCHEDA LAVORO

per altri laboratori potete vedere

LABORATORIO VAN GOGH

PICASSO IL LABORATORIO

IL LABORATORIO IN PIXEL ART

IL LABORATORIO DI KEITH HARING