Ciao a tutti, lavoretto semplice ma di effetto per le finestre di casa ma anche scuola! tutto ciò che dovrete fare  è stampare la pagina che trovate sotto, colorare e ritagliate ritagliate palline di NAtale, una è più rotonda e una a goccia, l’altra decorazione è invece un fiocco di neve (come avete visto ho ovviamente lasciato un po di bianco quando lo ho tagliato e sono venuti tutti e due benissimo)

Le palline volutamente non le ho fatte molto grandi per 2 motivi, il primo che 1 scheda insieme va benissimo per 1 finestra senza stare a stampare mille cose, la seconda perche’ per la scuola dando 1 sola fotocopia per bambino sara’ abbellita tutta la classe!!!!!

20161212_183527

Nei prossimi giorni ne vedrete comunque di piu’ grandi o gia’ colorate!

Oltre che di qualche famoso cartone animato!

Per incollarle contrariamente a quanto si possa pensare ho messo a modo mio perché  io le incollo direttamente con la colla pritt, se sono stati colorati con i pastelli non ci sono nemmeno problemi su sbavare  i colori e volendo si vedano bene da fuori metto la colla direttamente dalla parte colorata e incollo poi nella finestra,oltre tutto essendo la carta da stampante abbastanza fina le decorazioni e i colori si vedranno bene anche all’interno cosi le vostre finestre  saranno bellissime e senza fastidiosi pezzetti di nastro adesivo!

Fatemi sapere se le provate e anzi mandatemi le vostre finestre colorate, nel gruppo Facebook del blog potrò pubblicarle 😊

Scaricate qua

palline-decoro

 

img-20161210-wa0028

CIao a tutti, oggi vi voglio fare vedere un altra cosa che si fa davvero con il niente,  per fare una cosa carina per il periodo Natalizio sono nati questi pupazzi di neve calzino!!

Materiali necessari

-CALZINI BIANCHI SPAIATI

-RISO

-1 PETTINE

-STUZZICADENTI o pezzetti di legno

-OCCHIETTI MOBILI

-CALZINO COLORATO O NERO (DA TAGLIARE A STRISCE) OPPURE STOFFA RITAGLI

-ELASTICI

-VECCHI BOTTONI, SUGHERO, PERLE, QUEL CHE AVETE

La prima cosa da fare è quella di riempire di riso i calzini, devono essere belli ciccioni quindi ne serve circa 1 confezione ogni 2 pupazzetti, ora con gli elastici chiudete il corpo e aggiungete riso per fare la testa

Con un altro calzino fate il cappello, vengono carinissimo bianchi ma potete sbizzarrirvi facendone di colorati, a righe, anche scuri vanno benissimo.Come vedete dovete fare il risvolto

Decorate con perle, bottoni o anche sughero, per la scopa dividete un pettine in pezzi e usatene 1 per ogni pupazzo attaccandolo allo stuzzicadenti.oppure come vedete nell’esempio sopra potete utilizzare gli stecchi per i gelati decorati

Naso con cartoncino arancione a cono e occhietti mobili, bellissimi e fatti con niente!!!!!

img-20161209-wa0024

CIAO A TUTTI!!!!!! Oggi voglio farvi vedere una decorazione per casa vermente bellissima e fatta con poco e niente!!!!!Io ne ho fatto uno tempo fa e a dire il vero si e’ rovinato, dovete infatti metterlo via bene cosi’ che poi vi rimanga intatto per l’anno dopo, questo e’ della mia amica Federica, se volete replicarlo

tutto cio’ che vi servira’ sono:

-bicchieri di platica usa e getta

-calzini neri (o cartoncino nero)

-cartoncino arancione

-luci dell’albero

-graffettatrice

PREPARAZIONE:

semplicemente graffettate tutti i bicchieri per formare un cerchio,, vi mettero’ comunque un video dimostrativo sotto. ormai se ne trovano veramente tanti.

per i bottoni calzini arrotolati oppure potete fare dei cerchi dal cartoncino nero

Naso cartoncino arancione a cono

sciarpa e berretto, luci sotto e via!!!!!!!!

 

 

 

ciao a tutti!!!!!!!!!!!

Sapete anche voi quanto sia difficile fare sistemare i giochi ai bambini vero??

Ma avete mai provato a farlo sotto forma di gioco???? La cosa cambia veramente molto, oggi vi voglio fare vedere un gioco, sotto troverete anche il tesserino di riconoscimento per la Ditta delle Pulzie in cui lavoreranno e anche un diploma finale, oltre a delle stelle da incollare ogni volta che finicono un lavoro, impareremo anche a costruire un ferro da stiro velocissimo e fai da te, ma partiamo con ordine…

Il piu’ delle volte arriva l’ora di lavare i piatti o caricare la lavastoviglie, vi guadate in giro e per terra c’e’ un esercito di omini vari, lego, pezzi delle cucine e altre cose, per  non parlare di vestiti vari arrivati chissa’ come (magari anche un calzino che era sparito da tempo 😛 ) e ora??? GIOCHIAMO!!!!!!!!!!!!!!

stampa: gioco-ditta-pulizie

COME SI GIOCA:

Il bimbo o bimba ancora non lo sa ma e’ stato scelto per lavorare nella Ditta delle Pulizie, quindi stampate e incollate su cartoncino il tesserino di riconoscimento , tagliate le stelline e tenete da parte il diploma.

1 Parte. Voi siete la segretaria della Ditta e dovrete spiegare dove devono andare e a fare cosa, naturalmente ogni compito che faranno non deve essere sempre dalla stessa signora, nella stessa casa altrimenti si stuferanno subito, dovete invece dargli dei posti dove andare mettendo delle cose anche a gioco. preparate una carta come questa, per incollare le stelle a fine lavoro, sotto trovate gli esempi.

pulirrrrrrr

ESEMPIO: RIORDINARE I LEGO o i giochi

La prima casa in cui dovete andare e’ del signor Edoardo il lupo, ieri sera si e’ alzato per andare a caccia di un maialino (che per fortuna non ha trovato) ed e’ arrivato a casa cosi’ arrabbiato e affamato che ha gettato a terra tutti i suoi trofei (guadagnati nelle corse in mezzo al bosco) che si sono rotti (lego) oppure se sono altri giochi ha gettato a terra tutti i soprammobili o ancora i giochi di lupetto e ci ha telefonato per andare a riordinare

INCOLLATE LA 1 STELLA A FINE LAVORO

2 ESEMPIO: riodinare quaderni, libretti oppure disegni:

La seconda casa in cui dovrete andare questa volta e’ proprio di un maialino, Arturo ieri sera ha sentito ululare nel bosco e per non fare vedere la sua casa al lupo ha acceso e spento la luce cosi’ tante volte che ha fatto una gran confusione, qui i nostri lavori sono 2, il primo sistemare le sue carte del lavoro (disegni) e i suoi libri e la seconda cosa e’ PORTARE IL CANE A FARE UN GIRO (IN QUESTO CASO VA BENISSIMO UN QUALSIASI PUPAZZO A CUI AVRETE LEGATO UN PEZZO DI SPAGO O DI LANA) DOVRANNO FARLO ANDARE AVANTI E INDIETRO UN PAIO DI VOLTE

INCOLLATE LA SECONDA STELLA A FINE LAVORO

3ESEMPIO:tirare su o piegare vestiti vari

Qui entra in gioco il ferro da stiro che si fa veramente in 1 secondo se non avete quello giocattolo, Io ho preso una confezione vuota di plastica (perfetta QUESTA del Parmareggio) la ho coperta con carta lucida da regalo e con cartone di recupero ho fatto il manico, fate attenzione che sotto rimanga la plastica senza carta regalo oppure se la volete ricoprire bene che non ci sia dello scoth perche’ cosi’ scivola bene.

20160918_120123

come gioco questa volta dovranno stirare e piegare vestiti che ci sono in giro , questa volta per conto della signora Alda la lepre che questa mattina e’ uscita cosi’ di corsa per andare in ufficio che ha visto volare in giro appunto dei vestiti e ci ha telefonato dal suo ufficio.

A FINE LAVORO INCOLLATE LA STELLA

4 ESEMPIO, io metto questo poi naturalmente ognuno di voi ha qualcosa di diverso da fare e puo’ inventare quel che vuole! PORTARE LA PLASTICA AL BIDONE (finiti tutti i lavori ci potete andare insieme!

L’ideale per questo lavoro e’ se hanno tipo una macchina o trattore dove possono salire e che non sia ovviamente da interno cosi’ potranno caricare la plastica sentendosi partecipi del gioco a tutti gli effetti, altrimenti possono prendere una piccola busta anche loro

Il signor Alfredo la zebra (un parente di Zou :D) che fa lo scultore ci ha telefonato per portare fuori gli scarti del suo lavoro, fa davvero diverse cose con questo materiale, riciclandolo (un giorno di questi vi faro’ vedere uno dei mille modi in cui utilizzo la plastica, se ve lo siete perso guardate ad esempio qui sotto)

ORECCHINI CHE PASSIONE, PLASTICA RICICLATA CARTA, CARTONE, STOFFA

se volete potete approfittare dell’uscita dicendo che sempre il signor Alfredo vuole che portiate a casa anche delle foglie autunnali (ne bastano 3 o 4) che potete mettere all’interno di un libro a seccare bene, per poi fare un lavoro insieme (poi domani vi faro’ vedere un esempio di cosa ci possiamo fare velocissimamente 🙂

INCOLLATE UNA STELLA A FINE COMPITO

E——SPERO ABBIATE FATTO TUTTE LE PULZIE 😀

BACI

pignat

Ciao a tutti, oggi vi voglio parlare di una cosa che amo fare e cioè la cartapesta, è un ottimo lavoro di riciclo e permette di creare tutto ciò che la fantasia vi suggerisce, inoltre è molto resistente!!!! Io la uso da tantissimo e non mi ha mai deluso, inoltre vi daro’ qualche trucchetto in modo che sia perfetta

Ci sono diversi modi di fare oggetti in cartapesta, questa volta vi farò vedere il sistema che uso in assoluto molto di più,  perché è anche il più veloce!!!! In questo caso vi faro’ vedere come faccio le pignatte DI FORMA tonda-ovale per i complanni, semplicissimo, oltre tutto divertente anche per i bimbi!!! Tutto ciò che vi servirà è

LA COLLA FARINA la mia ricetta qua: LA COLLA FARINA E IL GIOCO DEL PIASTRELLISTA

CARTA DI GIORNALE, VOLANTINI PUBBLICITARI, (IO USO ANCHE RIVISTE CHE SONO PIU’ SPESSE, UNICA COSA PRENDONO MENO COLLA E BISOGNA USARNE DI PIU’ MA VANNO BENE LO STESSO) CARTA SACCHETTI DEL PANE, VECCHIE BOLLETTE, AVANZI DI DISEGNI ECC

1 PALLONCINO

PENNELLI

FILO PER APPENDERLA: SPAGO, LANA SPESSA, BUSTE DI PLASTICA, QUEL CHE PREFERITE

PROCEDIMENTO:

E’ tutto super semplice, dovrete solamente tagliare la carta a strisce oppure strapparla, gonfiare un palloncino e metterlo appoggiato su un contenitore di plastica o un secchiello in modo che la parte dove e’ legato stia sotto e sopra avete le mani libere per lavorare

20160810_231814

Iniziate a intingere la carta nella colla e metterla nel palloncino, dappertutto, fare piu’ strati e girarlo anche sotto sopra (in modo di coprire anche la parte dove e’ legato ma non del tutto, dovra’ infatti rimanere dello spazio per riempirlo di caramelle) pesando di piu’ il palloncino rimarra’ ancora meglio fermo sopra il contenitore! Aiutatevi con i pennelli per dare colla anche sopra la carta! quando e’ bello pieno e avrete fatto diversi strati lasciatelo asciugare, ci vorra’ almeno 1 giorno!!!! se volete che l’ultimo strato sia bianco visto magari lo dovete dipingere di colore chiaro potete usare pezzi di fogli bianchi di avanzo dei disegni ma soprattutto la carta per il pane bianca e’ perfetta!!! Buste delle bollette…Se proprio non ne avete usate carta igenica o scottex

A questo punto quando avete deciso lo spessore e avrete lasciato asciugare 1 giornata (il palloncino deve essere duro al tatto) tagliate il nodo che tiene gonfio il palloncino con i bimbi, sembrera’ una magia sentirete infatti il rumore del palloncino che si sgonfia e stacca dalle pareti della vostra pignatta!!!!

Ora vi spiego il trucchetto che uso sempre per misurare la resistenza della cartapesta e cioe’ una volta asciutto e tolto il palloncino dovete guardare all’interno del  contenitore, io ora vado sempre a occhio, vi accorgerete subito se avete fatto pochi strati la carta e’ piu’ leggera e si vede la luce all’interno, se poi la sentite anche a mano  procedete con almeno un altro strato o due)  ma se fuori e’ bello duro con dentro pochi punti luce e’ la durezza perfetta per i bambini (ci vogliono non troppi colpi per romperla e cosi’ ne potranno dare almeno 1-2 per uno) se e’ anche per adulti procedete con altri strati.

Ora e’ il momento di dipingere, vanno benissimo le tempere, se dovete mettere dei dettagli come coda e altro dovrete fare in cartone i pezzi e attaccarli prima aiutandovi con scotch carta e poi x fissarli bene sempre nel solito modo con molta carta e colla farina  e poi ovviamente lasciare asciugare e colorare anche quella!!!!

PER appenderla io ho usato davvero di tutto, solitamente preferisco spago tipo quello da cucina oppure filo di lana spesso facendo piu’ giri ma ho utilizzato anche buste di nylon della spesa semplicemente tagliando e arrotolando strisce per farla piu resistente! Dovrete fare 2 buchi ai lati della vostra pignatta, fare passare il filo e per essere piu’ sicuri che regga bene io do un altra passata sopra per chiuderlo ancora con un paio di strati di carta e colla! se avete finito la colla farina potete usare tranquillamente un po’ di vinilica!!!!!!

UNA VOLTA PRONTA RIEMPIRE DI CARAMELLE, CIOCCOLATINI, PICCOLI REGALINI, SE VOLETE ANCHE CORIANDOLI, PALLONCINI

QUESTO SOPRA E’ UN ESEMPIO DEL RISULTATO, NON HO FATTO LE FOTO DI TUTTE LE PIGNATTE FATTE, queste erano da finire, la senconda era ispirata a daniel tiger, mentre per la prima era da mettere il filo per appendere e le orecchie al cane 🙂

PROSSIMAMENTE VI FARO’ VEDERE ALTRI MODI PER REALIZZARLE, piu’ quelle A più pezzi pe farvi vedere bene come attaccarli A PRESTO

 

FB_IMG_1462789394963

FB_IMG_1462789722455

Ciao a tutti, chi mi segue su facebook avrà notato che ieri ho pubblicato dei biglietti, fatti tempo fa, oggi vi voglio fare vedere come faccio quelli più piccoli !

Spero si capisca Bene dalle foto, comunque quel che serve sono

-ROTOLI CARTA SCOTTEX

-CARTA DECORATA (se la mia vi piace presto vi farò vedere come abbiamo fatta) potete anche usare quelle che vi ho fatto vedere qui sotto se ve le siete perse

LA CARTA “SFUMATA” CON FIALE VUOTE DI SOLUZIONE FISIOLOGICA

PITTURARE CON IL CAFFE’ SOFFIATO

Che vanno benissimo per questo lavoro, ve ne farò vedere altre comunque!!!!

Tutto ciò che dovete fare è tagliare il rotolo a metà (o in 3, dipende dalla grandezza che volete dare ai biglietti) io in questo caso dovevo fare un altro gioco quindi il mio è piccolo, aprirlo e  incollare la carta decorata (potete anche ripiegarla lasciando un centimetro in modo che si veda decorato anche l’interno) appiattirlo e  incollare anche il fondo in modo che faccia “da busta” lasciare asciugare e inserire il biglietto in cartoncino  (tagliato su misura) sopra potete lasciarlo aperto, chiuderlo con dei fori facendo passare un fiocchetto (come volete) e decorarlo con figure varie tagliate da altra carta decorata, adesivi, nastri  plastica, tutto cio che volete! In quelli che vedete sopra ho messo plastica (quella attaccata al tappo delle bottiglie, ma anche tappi) retina, perfetta quella dei limoni o cipolla, stoffa avanzata e tutto cio che la fantasia vi suggerisce!!!! Allo stesso modo ho fatto anche quelli sotto, mentre per gli altri ho usato una tecnica diversa che vi farò vedere, spero vi siano piaciuti

A domani per un nuovo gioco davvero divertente

 

 

Ciao a tutti oggi voglio farvi vedere un modo carino per presentare i vostri regali e perché  no anche un regalo fatto per la festa della mamma con le vostre mani! I sassi dei MESSAGGI sono una cosa che faccio praticamente da sempre, per accompagnare i regali alle feste e sono sempre molto apprezzati, potrei farvene vedere tantissimi ma non Ho piu’ le foto di tutti quelli che ho fatto  ( a molti non ne ho fatte proprio), quindi vi faccio vedere questo che abbiamo fatto tempo fa, per regalare ad un amico, se lo volete fare così per la vostra mamma (mariti prendete spunto) ciò che vi servirà è:

SASSI DELLE FORME CHE VI PIACCIONO o che ricordano qualcosa

PASTA DI SALE ,  QUI LA MIA RICETTA

PENNARELLO INDELEBILE o timbri

BRILLANTINI

COLORI A TEMPERA E PENNELLI

PROCEDIMENTO

Per prima cosa con la pasta di sale fate la vostra figura, quella che volete, nel nostro caso un’anatroccolo in uno stagno, potete usare sia degli stampi del pongo che cose che utilizzate in cucina oppure modellare a mano! Lasciate asciugare (come detto nel post della pasta sale )

Dipingete il sasso con i colori a tempera del colore che volete, il nostro doveva appunto essere uno stagno e quindi azzurro, buttate dei brillantini e LASCIATE ASCIUGARE

Quando è tutto pronto e avrete colorato anche la piccola scultura in pasta di sale incollatela nel sasso, io ho provato anche con della semplice vinavil e va benissimo, unica accortezza tenere in posa un po’ oppure asciugare i bordi con il phon! (Comunque visto il sasso è piano si asciughera con calma senza cadere)

A questo punto con il pennarello scrivete i vostri auguri personali 😆

Ecco qui  sopra l esempio di un augurio semplice

E se volete ancora giocare con i sassi ecco qui

I SASSI RACCONTA STORIE

 

Ciao a tutti, ho pensato per un po’ se fare un vero e proprio tutorial o mettere un semplice post, alla fine ho pensato di farvi solo vedere una delle mie passioni, Che è anche quella di fare orecchini!

Tempo fa avevo aperto un negozio su etsy ma allo scadere dei giorni di inserzione non ho più messo niente anche se ho ricevuto commenti positivi da chi ama il genere, non perché ho smesso di farne, ma perché per me per stare su etsy devi comunque essere conosciuto o mettere tanti oggetti, mentre io volevo solo fare il periodo di prova gratuito😂

Tornando a noi ho notato negli anni che non tutti quando sentono la parola riciclo sono molto interessati, invece secondo me è una buona cosa potere indossare orecchini diversi a basso costo, oltre tutto ci si mette del proprio!

Per ora vi faccio vedere qualche vecchia foto, fatemi sapere cosa ne pensate, nel caso più avanti metto un post con le spiegazioni, a presto!

Ah dimenticavo, tutti gli orecchini qui sotto sono fatti ovviamente da me e appunto con materiali per lo più di riciclo

 

f89c2fee9548fd6ba509dd2902ac3678.jpg

Ciao a tutti!  Oggi voglio farvi vedere una cosa davvero bella, perché permette di tingere in maniera del tutto naturale la stoffa con il colore giallo, sto parlando dei fiori di tarassaco, dalle nostra parti vengono chiamate ‘radicelle’ sono i fiori gialli comunissimi che trovate in qualsiasi prato, per quelli che non lo conoscono il tarassaco è un erba spontanea che nasce appunto in tutti i campi e giardini, ogni parte di questa pianta dalle radici ai fiori è commestibile, contiene tante vitamine e le foglie possiedono anche betacarotene molto importante per la vista non mi soffermo sul fatto che in cucina visto è commestibile esistono tantissimi modi per usarlo, magari ve lo farò vedere più avanti con qualche ricetta 😃😄 infatti le foglie le uso molto spesso e ricordo da bambina quando mia nonna mi preparava i fiori fritti, deliziosi!

Inizialmente mi serviva il colore giallo per una maglia e sapendo che i fiori di tarassaco sono un ottimo metodo (in passato avevo fatto altre prove e lo ricordavo dai nonni) ho subito provato, solo non ricordavo la quantita’ di fiori e ho fatto una prova che vi farò vedere ora

Ho preso i fiori (ho fatto prova inziando con pochi, circa 10 e bastavano, la mia stoffa è comunque di piccole dimensioni) li ho tagliati dentro ad una pentola (la bella cosa del fatto che siano commestibili è anche quella che si può usare una qualsiasi pentola dove abitualmente cucinate) ho messo il pezzo di stoffa per la prova e lo ho messo insieme ai fiori e all’ acqua che copriva il tutto (quindi non tantissima) ho fatto bollire, (noterete che l’acqua si tinge di giallo) aspettato qualche minuto e spento, ho subito sciaquato la stoffa dai pezzetti di fiori e messa ad asciugare e vi dirò che a parte le foto (scusate ma fino a che non prendo una nuova macchina vengono cosi) sono entusiasta del risultato,veramente un bel giallo, senza nessun odore, profuma ancora di bucato fresco come prima, presto proverò con una maglia e vi farò vedere!!!!Oltre tutto potete farlo con i bambini in tutta tranquillità !!

Se volete usare l acqua per la pittura su carta non tinge molto, si vede più da asciutta, ma anche qui farò altre prove 😀😀😀😀😀😀

❤tarassaco e colori naturali, anche perché sono comunissimi come vi dicevo e li ho presi su un prato prima che venisse tagliato, quindi nemmeno ho fatto danno a nessun fiore 😀provate e fatemi sapere