Ciao a tutti, ancora lavoretto, questa volta proveremo a replicare il bellissimo fiore Giacinto creando un veloce timbro di recupero

Materiali utilizzati

Tappo bottiglia di plastica

Tempere (vi consiglio soprattutto usando le tempere di comprare solo i colori primari così da imprimere meglio le varie mescolanze al bisogno)

Pennarello verde

Rotolo di scottex o igienica vuoto

Rondelle  (facoltative) e mini forme ottenute da carta argentata o ancora brillantini

Colla vinilica

Carta o Cartone

 

Come si fa

Per prima cosa utilizziamo se lo avete fatto gli avanzi del rotolo coloranto con le tempere di verde che ci e’ servito qui IL MAZZO DI ROSE… DI RICICLO, con fondi bottiglia e rotoli Scottex

altrimenti fatene uno nuovo. Una volta colorato pressiamolo per tagliarlo meglio e prendiamo un cerchio ottenuto tagliandolo a meta’ a sua volta, cosi’ da creare una foglia (vedi foto) Io la foglia ho deciso di mantenerla un po’ effetto 3 d non incollandola del tutto ma voi ovviamente potete fare come meglio credete.

Prendiamo un foglio a4 e pieghiamolo a meta’ (per fare il biglietto, altrimenti potete anche creare un campo di giacinti colorati) mescoliamo il blu al rosso nelle dosi che preferite per ottenere un colore viola. Ora la parte divertente, con il pennarello verde facciamo una liea verticale, prendiamo il tappo di bottiglia e andiamo a prendere il colore per creare dei perfetti cerchi intorno alla linea appena fatta! incolliamo la foglia e (facoltativo) delle versatilissime rondelle per viti che potete chiedere a qualche uomo che ne avrà certamente in abbondanza! Ancora facoltativo aggiungete delle stelline o cuoricini fatti con carta argentata (cosi’ da farle brillare) o brillantini

 

arbre-rouge-en-soiree-54c4b2fa.jpg

Ciao a tutti, in questi giorni sto preparando diverse lavoretti a tema pittori, sia per dei laboratori che voglio fare ma anche per far riconoscere i pittori per le principali opere che hanno fatto…… non per questo pero’ bisogna ricordare dei grandi quali ad esempio Mondrian solo per le classiche griglie (che qui nel blog abbiamo visto in diverse salse) .

Proprio per questo il lavoretto di oggi e’ ricreare a misura di bambino la sua opera l’Albero Rosso, restando fedeli alla sua idea di colori primari!

L’albero rosso è un quadro dipinto nel 1908-1909 da Mondrian. È una rappresentazione artistica di un albero in cui l’artista  si preoccupa solo della sua “forma” infatti possiamo tutti vedere che e’ un albero, quindi come nella realta’ ma rimane comuque insolito, sia per l’uso dei colori, sia per il fatto che e’ distorto.

Per il lavoretto che vedete qui sotto i bimbi dovranno riuscire ad allungare i rami e poi dipingere alla sua maniera, quindi utilizzando i soli colori primari, prevalentemente blu per lo sfondo e rosso per l’albero ma bella l’idea di creare delle particolari mescolanze di colori.

si scarica qui

L’albero rosso Mondrian

MONDRIAN PIX.jpg

CIAO A TUTTI, abbiamo parlato diverse volte di Mondrian, sara’ il suo stile pulito, i colori primari che sono estremamente semplici da replicare ma ho fatto diversi lavoretti (molti ne devo ancora devo pubblicare) oggi vi lascio una scheda con i codici per la pixel art che parla proprio di lui! Puo’ essere una buona idea proporlo dopo avere parlato di lui per vedere se i bambini associano subito il suo stile (sicuramente lo faranno)

si scarica sotto

codici Mondrian

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE, LABORATORIO COMPLETO CODING-PIXEL ART, 22 PAGINE

LABORATORIO CODING PIXEL ART, I 3 PORCELLINI, 12 SCHEDE TOTALI, 7 NUOVE FIGURE IN PIXEL ART

Ciao a tutti, mi sono accorta che tra le numerose poesie e filastrocche che ho iniziato a pubblicare non ho mai messo niente sui colori, cosi’ inizio subito a mettere qualcosa che come sempre cerchero’ di aggiornare

Sans titre 1.jpg

si scarica qui FILASTROCCA COLORI

RICORDO COME SEMPRE CHE UNA VOLTA CLICCATI I LINK PER SALVARE SU TELEFONO O PC DOVRETE CLICCARE DI NUOVO IL LINK SOTTO LA TABELLA NELLA PAGINA CHE VI SI APRE

Ovviamente ogni cerchio deve essere colorato con il colore giusto

Naturalmente come avete visto parliamo di colori base, se volete qualche suggerimento potete trovarne qui ORSETTO INSEGNA COLORI Itten e i Primari, secondari, terziari e complementari, mentre qui da colorare trovate IL CERCHIO DEI COLORI DI ITTEN da colorare (colori caldi e freddi) copertina quaderno

COLORE.jpg

qui invece va disegnato quel che manca oltre che colorato (sotto la filastrocca ho fatto una striscia dove dovranno completarla per fare il mare, mentre per il cielo puo’ essere lo sfondo.

si scarica qui COLORI DA DISEGNARE

RICORDO COME SEMPRE CHE UNA VOLTA CLICCATI I LINK PER SALVARE SU TELEFONO O PC DOVRETE CLICCARE DI NUOVO IL LINK SOTTO LA TABELLA NELLA PAGINA CHE VI SI APRE

 

 

MONDRIAN GIOCOCIAO A TUTTI, OGGI VOGLIO FARVI VEDERE UN ALTRO MODO PER PRESENTARE MONDRIAN AI BAMBINI, TUTTO COME UN GIOCO 🙂

QUESTA VOLTA A DIFFERENZA DELLE VOLTE SCORSE DOVE VI LASCIAVO DEI DISEGNI DA COLORARE NEL SUO STILE (QUADRO PER COLORI PRIMARI (STILE MONDRIAN) O BIMBI E ARTE! Quadro da colorare in stile PIET MONDRIAN) I BAMBINI DOVRANNO CREARE UN QUADRO NEL SUO STILE… GIOCANDO

IL GIOCO PUO’ ESSERE FATTO IN SOLITARIO : IL BIMBO TIRA IL DADO (VEDE CHE COLORE ESCE) E DECIDE QUALE PARTE COLORARE E CON CHE COSA (PASTELLO, TEMPERA, PENNARELLO O CERA)

IN COPPIE O GRUPPI: QUI PUO’ ESSERE SOLO DI COLORARE UNA PARTE PER UNO TIRANDO IL DADO OPPURE, PIU ENTUSIASMANTE  A LIVELLO SFIDA,

SI TIRA IL DADO E IL BAMBINO CHE RIESCE PER PRIMO AD USARE TUTTI E 3 I COLORI (QUINDI AD ESEMPIO IL PRIMO TURNO FA BLU, POI ROSSO E PER FINIRE GIALLO) E’ IL VINCITORE 🙂

si scarica qui

gioco dadi Mondrian

PER IL DADO BASTERA’ STAMPARE, INCOLLARE SU CARTONE DI RECUPERO, TAGLIARE, PIEGARE I BORDI E POI INCOLLARLI, nel caso non lo vogliate invece bastera’ dare un numero al colore, ad esempio 1-2 giallo, 3.4 rosso 5-6 blu

 

0333329 Piet Mondriaan Compositie Geel Blauw RoodCiao a tutti, conosciete Piet Mondrian? Sono sicura di si,  è stato un pittore Olandese e anche chi non ricorda il nome ricorda sicuramente il suo stile,  i quadri di Mondrian per cui è conosciuto  consistono soprattutto in linee perpendicolari e griglie geometriche di colori primari e quindi rosso, giallo e blu che poi con il bianco, grigio o nero completano le sue opere che pero’ sono il risultato di una continua ricerca di equilibrio e perfezione e dimostrano una complessità che di fatto smentisce la loro semplicità (che e’ solo apparente).

Per la solita serie “copiamo” i veri artisti per essere a misura di bambino oggi vi lascio un disegno da colorare proprio in stile Mondrian (ma con un cagnolone come soggetto) e quindi usando i colori primari, se ve li siete persi ne ho parlato qui

ORSETTO INSEGNA COLORI Itten e i Primari, secondari, terziari e complementari

il QUADRO DEVE ESSERE COLORATO CON QUESTO STILE E QUINDI SIMILE A QUESTO

dog-766920_960_720

quadro-da-colorare-stile-mondrian

0952_8eb31c7f828a733591c3ec7b3bd5af8f

CIAO A TUTTI!!!!!!!!!Era un po’che non parlavamo di libri e per questo oggi voglio farvi vedere un libro MERAVIGLIOSO per bambini dai 4 anni in su, perfetto anche in eta’ scolare perche’ insegna anche diverse cose sui colori!!!!!!

Iniziamo a parlane, il libro e’ di Agostino Traini, che  è nato a Roma nel 1961 e come avrete capito crea libri illustrati per bambini e libri di attività. E’ l’autore di testi e disegni della serie di prime storie scientifiche Il Mondo del signor Acqua
Il suo primo volume illustrato è stato pubblicato da Parabel Verlag  (Monaco di Baviera) nel 1993. In seguito ha iniziato a lavorare anche per il mercato italiano con le edizioni Emme di Trieste. I suoi libri sono tradotti in diverse lingue.

Edizioni Piemme, Il Battello a Vapore, dai suoi esordi la collana si è caratterizzata per la forte presenza nelle scuole, sia grazie alla proposta di libri di qualità, per ragazzi i, sia attraverso iniziative rivolte ai docenti.

TRA I PERSONAGGI di TRAINI TROVIAMO:

Mucca Moka (qui sotto 2 suoi libri ma ce ne sono altri)

Il signor Acqua (QUI SOTTO L’ESEMPIO DI 2 SUOI LIBRI ma ce ne sono molti, anche in Panfilo viene nominato)

La pecora Ornella

Paolo Nord

Il topolino Blu

Il gatto Paolo

Il signor Extra

Molliter

Panfilo cane pittore

La signora Aria

La banda di Popo

Superpaper (di cui vi parlero’ presto)

e molti altri

Panfilo ha una coda molto strana, prima è rossa, poi diventa blu, poi gialla, poi rosa… e sai perché? Perché Panfilo è un cane pittore! Proprio così; lui ama colorare i sassi: a righe, a strisce, a macchie, per regalarli ai suoi amici animali. Ma quando un giorno Panfilo vede nel cielo tre piccole nuvole bianchissime, gli viene un’idea strepitosa… e se provasse a dipingerle?

IL Libro e’ davvero bello, parla appunto di un cane pittore molto generoso che dipige dei sassi colorati per i suoi amici (a pallini, onde, righe, occhi naso e bocca) che pero’sono sempre tantissimi e cosi’ si ritrova a dover usare un altro modo per fare regali a tutti senza rovinare la sua coda che gia’ e’ spelacchiata  e si fa aiutare da 3 nuvolette, che dipinge con i colori primari che mescolandosi tra di loro creano una miriade di colori…che a loro volta piovendo… fanno acqua colorata!!!!!!

Bellissime anche le sue illustrazioni, a differenza di altri libri inoltre alla fine della storia ci sono dei giochi da fare, le prime 2 facciate riguardano i personaggi da andare a trovare all’interno del libro, mentre le altre 2 sono educative visto riguardano la mescolanza dei colori dove ci sono delle nuvolette che si mischiano (come quelle all’interno del libro) ad esempio fa vedere la nuvoletta blu e quella gialla che si uniscono e il bimbo al centro dovra’ mettere il giusto colore (tra i 6 consigliati)

(Se volete vedere altre cose ispirate ai colori vi mando qua ORSETTO INSEGNA COLORI Itten e i Primari, secondari, terziari e complementari )

FINITO DI LEGGERE IL LIBRO POTETE PROPORRE DIVERSE ATTIVITA’ CHE SI BASANO SIA SULLA MESCOLAZA DEI COLORI, SIA LA RIPRODUZIONE DEI PERSONAGGI, DELLA PIOGGIA COLORATA OPPURE FARE COME NOI ( PREMETTO CHE NON AVEVO ANCORA LETTO IL LIBRO MA QUESTA ATTIVITA’ SEMBRA PENSATA PROPRIO PER LUI!!!!!)

Colorare dei sassi per gli amici di Panfilo con gli occhi naso e bocca!!!!!!!!!!!!!

TEMPERE O ACQUERELLI E FANTASIA!!!!!!!!!!!!!

sassi.jpg

 

 

 

untitled-1.jpg

 

Ciao a tutti!!!! Oggi volevo tornare a parlare di colori, della loro mescolanza e soprattutto spiegare bene la differenza fra colori primari, secondari, terziari e complementari, ma ovviamente ormai mi conoscete e al posto dei soliti cerchi volevo  servirmi di qualcosa di più simpatico e così ecco a voi i simpatici orsetti dei colori, in fondo un pdf per vedere se i bambini hanno capito tutto, ma iniziamo a parlarne meglio

Il primo a creare un cerchio monocromatico per la distinzione e la mescolanza dei colori fu Johannes Itten, che era uno scrittore, pittore, lo schema lo trovate qui sopra

SE LO VOLETE DA COLORARE INVECE LO TROVATE QUI IL CERCHIO DEI COLORI DI ITTEN da colorare (colori caldi e freddi) copertina quaderno

 

I COLORI PRIMARI

I COLORI PRIMARI sono colori che non si ottengono con nessuna mescolanza (nello schema sopra infatti li trovate proprio al centro) e sono i colori

ROSSO

GIALLO

BLU

COLORI SECONDARI

Si ottengono dalla mescolanza di 2 colori primari e quindi come vedete   sempre dallo schema di Itten andando verso l esterno e sono

giallo + rosso = arancio

giallo + blu = verde

rosso + blu = viola

Abbiamo quindi ottenuto i 6 colori fondamentali che, uniti al bianco e nero, sono gli unici colori disponibili in natura. Infatti tutti gl altri colori sono più chiari o scuri dipende dalla quantità  di bianco o nero che andiamo ad aggiungere

COLORI TERZIARI

Mischiando un colore secondario con il primario adiacente otteniamo un colore terziario. Ad esempio:

giallo + verde = verde giallognolo

giallo + arancio= giallo aranciato

rosso + arancio= rosso aranciato

rosso + viola= rosso viola

blu + verde= blu verdastro

blu + viola= blu viola

I colori complementari

Si definisce colore complementare di un dato colore quello che gli è opposto nella ruota cromatica. Osservando la figura di Itten infatti notiamo che

il colore complementare del giallo è il viola e viceversa;

il colore complementare del rosso è il verde e viceversa;

il colore complementare del blu è l’arancio e viceversa

i colori complementari sono importanti nella pittura (come addirittura nel make up)  perche’ permettono di creare le ombre ad esempio

Qui sotto trovate gli stampabili gratuiti dove mettere alla prova i bambini, Così da vedere se hanno capito tutto, per i colori secondari  troverete 2 orsi con al centro un piccolo orsetto che come ogni dna che si rispetti prenderà un po dal papa’ orso e un po’ da mamma Orsa e quindi orso rosso più mamma orso giallo di che colore sarà piccolo orso???

Per i colori  terziari stessa cosa ma dovremo mescolare orso grande con orso piccolo per ottenere un terzo orsetto ancora più piccolo (fratello di orsetto???? Somiglia a mamma e fratello maggiore 😀)

Come quasi tutti i miei giochi può essere usato sia dai più piccoli che dai più grandi e questo ad esempio perche’ dai piccoli puo essere usato per giocare con i colori e vedere loro stessi le combinazioni con le tempere o colori a dita, nel pdf troverete solo 3 orsi (2 grandi e uno piccolo) quindi arriveremo a spiegare colori primari e secondari, infatti per avere tutti i colori secondari dovrete fare 3 copie mentre per i grandi può essere un idea fare i colori secondari con i pennarelli,  come vedete sopra nel loro pdf ho messo un piccolo indicatore per vedere i colori di ITten che poi deve essere coperto oppure proprio tagliato e dovranno farlo da soli

PDF PER BIMBI PICCOLI (2 ORSI GRANDI E 1 ORSETTO AL CENTRO, ve ne consiglio come dicevo 3 copie per tutti colori secondari

colori secondari per i piu’ piccoli

PDF per BAMBINI PIU GRANDI

Verifica per colori secondari  (da fare con i pennarell

colori secondari

Verifica colori terziari  (per i colori terziari  1 solo esempio di mescolanza, da fare con le tempere quindi vedete voi se darne una sola copia o più di una)

colori-terziari

Verifica colori complementari, per i complementari possono osservare lo schema di Itten oppure vedere se lo ricordano

colori complementari