20160819_165008.jpgzone-marine-e-b

Ciao a tutti, oggi voglio farvi vedere un lavoretto che oltre ad essere molto carino insegna veramente un sacco di cose, come sapete

Il dominio pelagico insieme al dominio bentonico

e’ una delle due suddivisioni dell’ambiente marino, io ero inizialmente indecisa, quando infatti ho fatto pitturare le zone la zona nera la avevo fatta fare come zona abissale, invece poi ho pensato di usare il dominio pelagico, questo perche’ volevo proprio fare una suddivisione in profondita’ ( e far capire solo dopo  che tipo di animali potessero vivere nelle diverse zone e perche’ fossero cosi’ differenti) nella suddivisione in dominio bentonico invece si parla piu’ della categoria ecologica che comprende gli organismi acquatici, sia d’acqua dolce sia marini!

Se volete fare come me tutto quel che vi servira’ per preparare il vostro mare e suddivisone in profondita’ (dominio pelagico appunto)

-carta bianca da stampante o disegno

-tempera bianca, blu, azzurro e nero

-stampabile gratuito mio che trovate qui sotto (ero indecisa se lasciare da colorare e cosi’ ho fatto alcuni pesci colorati e alcuni in bianco e nero)

pesci-e-zone-marine

PREPARAZIONE: (foto sotto)

Iniziate dipingendo i vari strati d’acqua, partendo dal fondo che deve essere nero, dopo infatti parleremo delle diverse zone e delle diverse profondita’ oltre che agli organismi presenti su ogni zona.

Lo strato appena sopra fatelo con il blu e via via andate a fare le zone sempre piu’ chiare come vedete da foto! Naturalmente non serve colorare tutto il foglio ma solo la parte in fondo perche’ poi verra’ sovrapposto l’altro foglio e cosi’ via fino ad arrivare allo strato superficiale. Se volete potete incollarli, altrimenti lasciateli cosi’.

Ora inizia la spiegazione delle diverse zone, se i bimbi sono grandi potete prima spiegare e poi vedere se ricordano altrimenti potete dare direttamente i nomi delle zone da incollare al posto giusto, spiegando che:

-LA ZONA  EPIPELAGICA e’ estesa tra la superficie e i 200 metri di profondità. È quindi la zona situata presso la superficie del mare dove c’e’ luce e quindi permette la fotosintesi e la presenza di tante speci marine e vegetali, piu’ che in tutte le altre zone. Qui vivono ad esempio delfini, squali e tonni, meduse, plancton

-LA ZONA MESOPELAGICA e’ estesa tra i 200 e i 1000 mt di profondita’, qui un po’ di luce arriva pero’ non abbastanza da consentire la fotosintesi, i gradi vanno dai 20 nella prima parte fino ad arrivare ai 4 appena sopra la zona sottostante .Qui vivono i pesce spada, calamari, anguille lupo e seppie.

-ZONA BATIPELAGICA e’ estesa tra i 1.000 e i 4.000 mt di profondita’, e a causa della mancanza di luce la maggior parte delle specie che vivono  in questa zona non ha occhi e hanno una colorazione scarsa o nulla, come gradi si mantiene intorno ai 4, ovviamente non nascono piante e le forme viventi che si incontrano di piu’ sono ad esempio i calamari giganti.

-ZONA ABISSOPELAGICA, piu’ conosciuta come appunto ABISSI comprende la zona tra i 4.000 e i 6.000 mt di profondita’, e’la zona chiamata di mezzanotte che inzia nella zona appena sopra, qui e’sempre buio, i suoi abitanti oltre a qualche calamaro gigante sono permanenti e sono ad esempio l’inghiottitore nero o la rana pescatrice abissale, sono attualemente quasi inesplorate (non tutte appunto) e sono  caratterizzate da freddo costante.Gran parte dell’intera zona abissale presenta temperature di 2-3 °C

-ZONA ADOPELAGICA zona delle fosse oceaniche  Si estende da 6000 metri di profondità fino al fondo dell’oceano.Nel 1960 fu esplorata la fossa delle Marianne e si scopri’ che anche li’ c’era vita>!!!!! Le specie che si trovano qui non hanno colore, ne’ vista se non pochissima  0ppure al contrario  hanno occhi molto grandi.Qui troviamo pesci vipera, cetrioli di mare e vermi tubo

GIOCO LAVORO:

A QUESTO PUNTO DATE LO STAMPABILE, DEVONO ESSERE TAGLIATI E INCOLLATI I NOMI DEI DIVERSI STRATI DI ACQUA E poi qua sta a vostro gusto o incollate anche i pesci oppure mettete tutto nella cartellina e tirate fuori piu’ avanti per vedere se si ricordano. Per i pesci e’ un lavoro che ho fatto tempo fa e non li avevo fatti incollare per quello non ho foto ma credo che presto ne faro’ un altro simile

Se non incollate i fogli potete farli sistemare da loro di volta in volta, qui sotto  ad esempio il 3 e’ invertito anche se per colpa mia che sono stata poco attenta 😀

spero vi sia piaciuto, io lo trovo molto istruttivo oltre che un bel lavoretto

 

marelandCiao a tutti!!!! Con questo grande caldo cosa c’è di meglio che una storia sugli amici marini, un gioco e per finale un bel ghiacciolo in compagnia? Ecco quindi che iniziamo subito!!! Questo gioco puo’ essere usato per i pomeriggi con gli amichetti ma anche con 1 solo giocatore (come vedremo anche per la scuola), perfetto per i compleanni a tema mare, i bimbi si divertono molto :)!!!

La prima cosa da fare è leggere la storia ai bambini:

Oggi a Mareland la ridente cittadina che si trova in fondo al mar Adriatico JUMPI il pesce rosso e’ proprio annoiato, sta nuotando da tempo e i suoi amici sono in ritardo! Quanto gli piacerebbe un’avventura come quelle che sente sempre raccontare dalla sua mamma Casimira!!!!

Ma… un momento, gli sembra di scorgere una  strana grotta nascosta proprio dietro la casa di ROBIN la tartaruga, ma che cos’è questa strana grotta? Da dove è uscita? Jumpi non la aveva mai vista!!

Si avvicina curioso facendo un balzo e per poco non inciampa su uno strano sasso rosso!

Aiuto, che paura che non sia una grotta magica???

Lo “strano sasso” si alza, inforca i suoi occhialoni ed esclama:

“Jumpi, amico mio, dove vai così di corsa?”

TUTTA QUESTA PAURA PER NIENTE! È solamente ARTU’ il granchio!

Jumpi allora chiede ad Artu’ della grotta, ma non ne sa nulla nemmeno lui, quindi decidono di avvicinarsi piano piano e nel frattempo scorgono altri 2 curiosi che nuotano nella loro direzione, sono gli amici che aspettava, POLPI il polpo e ROBIN (la tartaruga).

Gli amici credono che una grotta così dovrà sicuramente contenere un tesoro e spostando un po’ di alghe e di sabbia leggono sulla grotta:

SE LA PORTA VUOI APRIRE LA COMBINAZIONE DEVI INSERIRE

Quale è la combinazione giusta? E soprattutto che cosa contiene la strana grotta?

Jumpi e Artù vanno a chiedere alla mamma CASIMIRA,  (una pesciolona sempre in lotta con la bilancia) che però sussurra solo una frase

“se il tesoro vorrai scoprire i tuoi amici  dovrai osservare!!” 

BENE A QUESTO PUNTO DOVRETE SCARICARE, stampare e ritagliare i pesci qui sotto e potete iniziare a giocare!!!!!

mareland

Per il gioco ne ho pensate 2 versioni una più attiva e golosa e un altra invece perfetta anche per la scuola come lavoretto estivo

La golosa:

Una volta ritagliati dovrete nascondere i pesci per tutto il giardino (casa o terrazzo) e quando sono stati trovati chiedere a chi somigliano secondo loro, se avranno ascoltato bene la storia riconosceranno Artu’, Jumpi, Casimira, Robin e Polpi

a questo punto con le lettere che trovano nei pesci dovranno comporre una parola, nel nostro caso la parola è  BUONO

Consiglio se avete bimbi piu’ piccoli di mettere un pezzo di carta sopra le lettere e numerare da 1 a 5 i pesci per facilitare il gioco

Per ultima cosa mentre i bimbi discutono sulla parola da comporre andate in cucina a prendere dei golosi ghiaccioli (se volete sapere come li facciamo noi ve li farò vedere nei prossimi post) ma va benissimo qualsiasi altra golosa merenda e  chiuderli in una scatola sulla quale avrete fatto un taglio e avrete messo la parola grotta  (da foto)  fate inserire ai bambini le lettere trovate in ordine in modo che formino una parola ( appunto per BUONO, quindi prima la B, poi la U ecc. nel caso di numeri 1, 2, 3, 4, 5)

La scolastica

Dopo avere letto la storia ai bambini per vedere se sono stati attenti date i pesci da ritagliare dicendo loro di provare a ricordare i nomi o l’ordine in cui li hanno incontrati e poi formare la parola segreta incollando in un foglio le lettere in ordine (B U O N O)

VI siete divertiti????? Al prossimo gioco