CIAO A TUTTI! Oggi vi lascio un’altra ricettina, sono mesi che devo postarla ma poi me ne dimentico sempre o aspetto di farne di nuova per

prendere delle foto migliori ma puntualmente me ne dimentico!

Questa pasta è una bomba, questo perchè è praticamente idrorepellente e chi lascia le proprie creazioni in cucina ad esempio o in una stanza umida sa benissimo

di cosa sto parlando, le altre paste per quanto perfette da modellare si rovinano con l’umidità, la pasta di sale per il suo contenuto di sale che si scioglie ad esempio.

Questa pasta diventa dura come un sasso e non si rovina, io ho creazioni di molti anni ancora perfette (quando prendo la scatola vi farò vedere qualche foto)

Ricetta semplicissima, ci serviranno soltanto:

-2 tazze di maizena (o amido di mais)

-1 tazza e mezzo di colla vinilica

1 cucchiaio di succo di limone (facoltativo)

Ovviamente vi consiglio di prendere la colla dei barattoloni altrimenti il costo vi farà venire voglia di lasciar perdere visto appunto va dentro molta colla

Preparazione:

Mescola insieme tutti gli ingredienti (ovviamente non su contenitori alimentari vista la presenza della colla vinilica) poi con la mani massaggia la pasta per un paio di minuti.

A questo punto è pronta!

NON si cuoce ma si lascia asciugare all’aria  per 1 notte, anche più per essere perfetta e poi….. coloratela con tempere o acquerelli senza problemi.

Presto vi farò vedere come la uso sempre io!

se volete l’immagine per ricordare la ricetta la trovate qui

Per vedere altre paste modellabili qui

La pasta di sale

LA PASTA AL BICARBONATO, RICETTA E ASCIUGATURA SEMPLICE

IL PONGO (PASTA MODELLABILE) ALL’ARANCIA

IL PONGO (PLAY DOH) FAI DA TE alla vaniglia

IL PONGO (PLAY DOH) FAI DA TE nei toni del verde piu’ I PAVONI costruzione e canzoncina in inglese

LA SABBIA CINETICA FAI DA TE

Ciao a tutti,

oggi vi voglio dare una ricetta che ormai molti usano, io la faccio da anni, prima era semi-sconosciuta, io infatti la avevo fatta verametne a caso utilizzando fecola e maizena con la sola aggiunta di acqua…tempo dopo mi hanno dato questa ricetta che sostanzialmente non ho più cambiato (a parte le diverse prove e varianti che sono solita fare )

vi raccomando comunque di:

1 Non fare le formine troppo sottili, infatti quando ho provato si sono formate delle crepe

2 Lasciare asciugare molto bene le formine

(in quest’immagine stavo facendo dei pensierini che più avanti vi farò vedere ma non trovavo foto migliori da mettere per questo post  anche se appunto la preparo davvero da anni 😀

La ricetta che seguo da tempo è questa:

4 tazze da the di bicarbonato

2 tazze da the di maizena

circa 3 razze da the di acqua

1 cucchiaino di olio di semi (facoltativo)

PER AVERLA SEMPRE A PORTATA DI MANO LA POTETE SCARICARE QUI SOTTO

 

Preparazione:

Mescolate tutti gli ingredienti tranne l’olio e mettete in una pentola (puo’ essere usata anche quella che usate abitualmente in cucina visto

è tutto naturale).

Iniziate a mescolare fino a quando vedrete che il composto si staccherà dalle pareti della pentola

Mettete su un tagliere e lasciate raffreddare un pochino.

Se non usate l’olio di semi inziate subito ad usarla, altrimenti aggiungete l’olio, maneggiatela un attimo, passate sulla farina l’esterno e lasciate

riposare l’impasto ancora un pò . L’olio me lo hanno consigliato, io a dire la verità faccio più spesso la versione senza, ma ho provato ad usarlo, in realtà

la pasta mi sembra molto soffice anche senza aggiungerlo

Per fare le formine potete farle a mano, utilizzare dei taglia-biscortti o usare quelle per il pongo.

Visto il meraviglioso colore bianco però vi consiglio di utilizzarla per fare dei pupazzi di neve. Presto vi farò vedere come faccio i miei.

Come suggerisce il titolo io NON faccio cuocere la pasta in forno ma la faccio seccare al sole (anche se in questi giorni di emergenza pioggia è ovviamente

impossbiile) La metto sempre su di qualche libro o pezzi di legno con carta forno . Questo perchè potrebbe piegarsi,

Quando si è un po’ seccata la porto all’interno e la lascio sotto (o sopra) i termosifoni, anche in questo caso su carta forno e libri-tavola di legno per farla seccare per bene.

Una volta secca la potete dipingere o potete incollare qualche piccola immagine ricilata da qualche rivista per bambini

 

 

 

 

 

 

 

Ciao a tutti!!!! Parliamo ancora di paste modellabili, come vi dicevo ne ho provate davvero tante, questa ve la consiglio per 2 principali motivi, il primo e’ ovviamente economica e il secondo sprigiona un delizioso profumo che verra’ davvero la voglia di mangiarla 🙂 Ovviamente adatta anche per i piu’ piccoli perche’ contiene solo materiali commestibili, quindi anche la dovessero assaggiare al massimo sentono il forte sapore del sale!

Ingredienti:

  • 2 tazze di farina
  • 1/2 tazza di sale da tavola
  • 1 tazza di cacao (anche 1/2 va benissimo, a me piace molto l’odore per questo il piu’ delle volte ne metto 1 intera)
  • 1 1/2 tazze di acqua bollente (questa non sempre e’ la giusta quantita’ vedi sotto)
  • 2 cucchiai di olio vegetale                                                                                                                                                    COME SI FA:
  • Mescolate insieme tutte le parti in polvere, aggiungete l’olio, ora inziate ad aggiungere l’acqua poco alla volta, infatti come dicevo negli ingredienti non e’ detto ne vada 1 tazza e mezzo ma potrebbe anche essere poca meno o poca piu’. Quando otterrete un panetto non troppo duro (dovrete altrimenti aggiungere poca acqua) ne’ troppo morbido (dovrete aggiungere poca farina) ma perfettamente modellabile avrete finito

Come suggerisce il titolo e vedete dalla foto la ho usata per tantissime cose, un gioco in particolar modo ve lo faro’ vedere la prossima volta, ho fatto impronte, creato dei finti fossili da abbinare una volta asciutti o mentre li fate, fatto delle profumatissime formine.

Si asciuga come una normale pasta di sale all’aria, nel forno ovviamente velocizzerete il tutto, se volete la pasta di sale invece la trovate qui La pasta di sale

Ciao a tutti,  tema zucca di Halloween chi non ne ha mai preparata una? Oggi piu’ che post su come fare la zucca (visto direi e’ abbastanza elementare) cerchero’ di dare dei consigli sul tipo di zucca da acquistare o sulle idee come forma ecc ecc e vi farò vedere diverse foto per mostrarvi anche le zucche dipinte invece che intagliate, bellissime per i più piccoli ma anche per grandi pittori 🙂

1 QUALE ZUCCA COMPRARE?

La cosa per me ė abbastanza soggettiva anche se io tendo a prendere le zucche più grandi da mettere all’esterno mentre medie e piu’ piccole per interno! Solitamente si possono acquistare zucche di tutti i tipi per cui non ė obbligatorio prenderla grande e arancione anche se poi ė quest’ultima diventata un po’ il simbolo della festa! Stessa cosa sul fattore commestibile, da noi si mangiano anche zucche grandi con cui prepariamo degli ottimi gnocchi (uno di questi giorni posterò la ricetta) anche se so in altre regioni vengono scartate (mi ė stato detto ad esempio che sono cibo che danno ai maiali)  e poi esistono proprio zucche non commestibili ma decorative, più piccole di diverse forme e colori

2 QUANDO PREPARARLA?

Tenete conto che se la zucca sta all’aperto potete farla anche il giorno prima, si mantiene meglio per il fresco, per l’interno soprattutto zone umide come la cucina meglio farla lo stesso giorno perché si poterebbe Riempire di moscerini e vari! Stessa cosa quindi per quando toglierla, dentro casa direi 2 giorni, all’esterno invece anche 4-5 poi naturalmente va buttata.

3.SEMI INTERNI per riciclarli esistono diversi modi, per poterli mangiare sotto vi lascio una ricetta, per giocare invece ve li stra-consiglio, unica cosa devono seccare molto bene per durare nel tempo altrimenti verrà la muffa se rimangono umidi. Se fatti seccare bene e li mettete via bene (per evitare la polvere) durano anni

Io per prima cosa li tolgo e li divido dalla polpa mettendoli su un contenitore con dell’acqua, cambiandola un paio di volte. A questo Punto li lavo sotto acqua corrente a manciate e li lascio su carta assorbente da cucina , mentre in un secondo momento li sposto su dei canovacci da cucina, facendo attenzione a farli stare comodi e quindi non uno sopra l’altro. A questo punto li lascio li un po poi li mescolo e li sposto su un asciugamano o un altro canovaccio e se c’ė un bel sole li sposto fuori altrimenti nei termosifoni. Seccando in forno ovviamente ė tutto molto più veloce ma senza usarlo possono anche  farlo i bambini.

Ora vi chiederete ma che gioco ci posso fare??? Beh io ne ho veramente inventati una marea e in questi giorni cercherò di condividerne qualcuno con voi!

Bene detto questo è tornando alla zucca ė tempo di decorarla, anche qui la scelta ė personale, sotto vi faccio vedere alcuni modi, dal classico a quello ad esempio a gatto fino ad arrivare a quelle solo dipinte che piacciono molto ai bimbi più piccoli…. spero di esservi stata utile e.. buona serata di Halloween a tutti

Passiamo ora a quelle decorate per piccini

e se volete una ricetta veloce per i bambini la trovate qui, davvero gustosa 🙂 Pasta PICCOLINI FARFALLE con zucca e cotto

20161106_131610
Ciao a tutti!!! Oggi vi voglio dare una ricetta semplicissima e veramente velocissima, come avrete visto ultimamente ho pubblicato poche ricette, questo perché  ho ancora la macchina fotografica rotta e  la fotocamera del telefonino che come qualità  è veramente bassa, oltre tutto ci sono talmente tanti siti spettacolari da dove prendere ricette che evitavo di mettere le più banali, poi ci ho ripensato 1 perché con i bimbi i piatti semplici e veloci sono più ricercati, tra l’altro visto non  seguo Mai ricette alla lettera ce ne saranno anche di particolari e 2 perche’ vi devo fare vedere tanti bei giochi da fare con i semi della zucca e visto il periodo è ancora questo ne approfittiamo, ma bando alle ciance e iniziamo

ingredienti

pasta (io ho usato questa come vedete dalla foto) PICCOLINI 

PER IL SUGO

1 ZUCCA PICCOLA

LATTE

PROSCIUTTO COTTO

CIPOLLA O POCO AGLIO (FACOLTATIVI)

(FACOLTATIVI FUNGHI, se ne avete di gia’ pronti ci stanno bene)

Per prima cosa lessate la zucca in acqua salata, io non la ho messa in forno o intera come molti fanno ma ho deciso questa volta di tagliarla così da accelerare i tempi di cottura.

Una volta che la zucca è quasi cotta mettere a bollire anche l’acqua Per la pasta.

Scolate la zucca e schiacciatela bene con una forchetta (ovviamente se è troppa usatene mezza) aggiungete un po’di latte e aggiustate di sale, mettete un po’ sul fuoco (SE DECIDETE DI USARE ANCHE CIPOLLA, AGLIO OPPURE I FUNGHI METTETE PRIMA IN PADELLA CON POCO OLIO A DORARE PRIMA DI AGGIUNGERE LA ZUCCA SCHIACCIATA e alla fine il  cotto tagliato a pezzettini.

Scolate anche la pasta e mangiate!!!!! Velocissimo, ma da leccarsi i baffi 😀

pasta.jpgCiao a tutti!!!!oggi voglio darvi una ricettina di cui sono fiera perche’ ero riuscita a “inventarla” prima di sapere che esistesse sul serio!

Ma partiamo dall’inizio, molti anni fa andavo spesso in un ristorante, i proprietari erano dei signori napoletani e ogni volta che c’era molta gente nell’ attesa di portare le pietanze davano da guastare dei deliziosi paninetti fritti con dentro le alici, davvero buonissimi, la ricetta era ovviamente super segreta, loro li chiamavano nuvole o qualcosa di simile!!

Ho molto pensato come li facessero e un giorno ho voluto provare e sono venuti deliziosi!!!! Oltre tutto molto tempo dopo parlando con una ragazza sempre napoletana mi ha detto che sono di pasta cresciuta e che a Napoli li vendono ancora in qualche vicolo belli caldi!!!!

La mia ricetta la faccio sempre a occhio, come la prima volta, piu’ o meno le dosi base sono queste

ingredienti:

-farina 250 gr

-sale

-lievito mezza bustina di secco

-acqua circa 190 ml

la pastella deve essere un po’ consistente, non esageratamente, giusto per riuscire a prenderla con un cucchiaio senza che cada da tutte le parti

Per questa pastella ho sempre usato la normale acqua del rubinetto al posto della frizzante o della birra e viene benissimo

Mescolate gli ingredienti creando appunto una pastella e mettete a riposare (io li ho fatti anche senza fare riposare la pasta, vengono buoni lo stesso solo gonfiano meno in cottura) dopo circa mezz’ora, aggiungete le alici e mescolate,se avete tempo fate riposare ancora mezz’oretta e tuffate a cucchiai in olio ben caldo, senza toccarli, quando vedete che sotto sono pronti li dovete girare e aspettare che si cuocia anche l’altro lato, ci vuole poco tempo

Con la stessa pastella come vedete sopra ho fatto anche zucchine (che di solito faccio con la classica pastella con acqua frizzante o birra) e sono venute molto bene e sempre allo stesso modo ho fatto dei cavolfiori, deliziosa!!!!!!!!!! Fatemi sapere se la provate

 

 

 

20160401_131312Ciao a tutti, immagino siate anche voi spesso di corsa, io non so se ve lo ho mai detto ma mi diverto in cucina, soprattutto a sperimentare ricette o a cambiarne di esistenti o appunto come oggi a fare qualcosa di davvero veloce e così ogni tanto preparo questa pastasciutta, soprattutto quando ho del cavolfiore già cotto in frigo, ma alle volte lo faccio bollito proprio per fare questa pasta il giorno dopo 😀

La pasta che noi abbiamo usato è delle CARS, davvero carina e and bui perché non scuoce facilmente e quindi le macchinine si vedono bene anche una volta cotte, oltre tutto è trafilata al Bronzo e come saprete trattiene meglio il condimento

Per fare questa ricetta avrete bisogno di

PASTA QUELLA CHE PREFERITE

1 BICCHIERE DI LATTE

2 CUCCHIAI DI FARINA

2 MANCIATE DI CAVOLFIORI GIA COTTI

SALE

NOCE MOSCATA

1MAnciata parmigiano

Olio DI OLIVA

LA ricetta come promesso è davvero più veloce del west ehehehe

METTETE A BOLLIRE L’ACQUA

Frullate insieme i cavolfiori, con la farina e il latte, salate

METTETE A scaldare in una padella, la crema si addensera’ come una besciamella super light, mettete noce moscata a piacere oppure pepe

Quando è pronta scolate la pasta, aggiungete parmigiano e olio d’oliva alla crema e mangiate!!!!

Deliziosa, veloce e pure leggera!